Home . Soldi . Economia . Berlusconi contro le tasse: "No a quelle su prima casa, successione e prima auto"

Berlusconi contro le tasse: "No a quelle su prima casa, successione e prima auto"

ECONOMIA
Berlusconi contro le tasse: No a quelle su prima casa, successione e prima auto

(Fotogramma)

"Nel nostro programma prevediamo nessuna tassa sulla prima casa, che per noi è sacra, nessuna tassa sulla successione, che è ricchezza già tassata quando è stata prodotta, nessuna tassa sulla prima auto, che è uno strumento di lavoro, Flat Tax uguale per tutti al 22-24%. Meno non è credibile. E ancora abolizione dell'IRAP che l'azienda paga anche quando perde". Lo ha detto il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, parlando ai seniores del partito riuniti a Villa Gernetto.

"Le imposte - ha spiegato il leader azzurro - non sono un diritto dello Stato, sono il pagamento di servizi. Per questo se lo stato ci chiede 1/3 di quello che guadagniamo lo sentiamo giusto e lo paghiamo volentieri, se invece ci chiede oltre il 60% ci sembra una rapina. Questo non vuol dire ovviamente che le tasse non vanno pagate, significa che vanno ridotte".

"Vogliamo garantire una pensione minima a 1000 euro per tutti. La pensione alle mamme per dare loro una vecchiaia dignitosa e serena. Vogliamo introdurre un sussidio di compensazione per le famiglie in condizione di povertà assoluta e relativa - ha continuato Berlusconi -, una convenzione con i cinema per l’ingresso gratuito agli anziani, viaggi gratuiti per gli anziani in treno in certi giorni della settimana, cure odontoiatriche gratis per gli anziani, molti dei quali non possono permettersi il dentista, e aiuti agli anziani che possiedono un animale domestico".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI