Home . Soldi . Economia . Alitalia alla resa dei conti, si aprono le buste

Alitalia alla resa dei conti, si aprono le buste

ECONOMIA
Alitalia alla resa dei conti, si aprono le buste

(FOTOGRAMMA)

Ultime ore per presentare le manifestazioni d'interesse "non vincolanti" per Alitalia. Alle 18 di oggi, lunedì 5 giugno, scade il termine per la raccolta delle buste presso lo studio del notaio Nicola Atlante a Roma, e dalle prime indiscrezioni sembra che siano già arrivate cinque o sei, ma se ne attendono delle altre. Tra queste, secondo gli ultimi rumors, ci sarebbe anche quella della compagnia americana Delta Airlines.

In campo potrebbe scendere anche l'americana Delta Airlines e una lettera potrebbe anche arrivare dai fondi di private equity interpellati dall'advisor finanziario Rothschild, come Indigo Capital e Cerberus. Non arrivano invece segnali nuovi da chi, fin dal'inizio, è stato considerato tra i principali candidati e cioè Lufthansa, che ha escluso un intervento non ritendendo il dossier Alitalia di proprio interesse. Due, invece, da subito si sono tirate fuori: Emirates di Dubai e Japan Airlines. Anche un'altra compagnia 'papabile' come Ryanair non sembrerebbe intenzionata, stando sempre alle posizioni ufficiale, a partecipare alla partita. La compagnia irlandese sembra interessata, invece, al ricollocamento degli esuberi. Piloti ex Alitalia in particolare, ma anche ingegneri, steward e hostess.

Il bando. A esprimere il loro interesse, si legge sul bando, "imprese individuali o in forma societaria di qualsiasi nazionalità, sia singolarmente sia insieme ad altre imprese individuali in forma societaria". Sono possibili, inoltre, cordate tra coloro che hanno manifestato interesse nei termini ossia entro domani e chi non lo abbia fatto per tempo.

Il futuro. Le opzioni sulla carta per "realizzare un programma di recupero dell'equilibrio economico della società" sono tre: ristrutturazione economica e finanziaria dell'impresa con un programma di risanamento, vendita in blocco dei complessi aziendali o separata di beni e contratti.

Le tappe . Secondo il programma illustrato dai tre commissari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari è prevista, dopo la valutazione delle offerte non vincolanti, la visione da parte dei pretendenti delle carte riservate, a fine luglio le offerte non vincolanti, mentre a ottobre l'eventuale gara. L'operatività dei voli in questo lasso di tempo dovrà essere comunque assicurata per evitare che non ci sia una caduta dei ricavi. "Se si vuole un partner, l'azienda deve essere appetibile, efficiente" dice Gubitosi, ribadendo che Alitalia "vola e continuerà a volare come ha sempre fatto".

La trattativa sindacale. La compagnia ha convocato i sindacati per l'8 giugno prossimo per il rinnovo del contratto di lavoro, scaduto ieri. A riferirlo sono fonti sindacali. L'appuntamento è fissato per le ore 14. Al tavolo sono chiamati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporto Aereo, le associazioni professionali Anpac e Anpav.

Nel primo incontro con i sindacati, il 10 maggio scorso, i commissari straordinari Gubitosi, Paleari e Laghi avevano sollecitato sul contratto di lavoro una soluzione condivisa entro un mese, preferibile, avevano sottolineato, a una determinazione unilaterale. Una vicenda, quella del rinnovo contrattuale, che va avanti ormai da mesi e che è stato motivo di forte tensione tra i sindacati e il precedente management

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI