Home . Soldi . Economia . Nautica: l'innovazione, barche e scafi si stamperanno in 3D

Nautica: l'innovazione, barche e scafi si stamperanno in 3D

A convegno Ucina la ricerca del +Lab del Politecnico di Milano

ECONOMIA
Nautica: l'innovazione, barche e scafi si stamperanno in 3D

“Con la stampa 3D si possono cominciare a produrre dettagli di barche, con i materiali meno performanti possiamo affrontare il tema delle barche vintage e del restauro. E poi faremo gli scafi in 3D, con queste nuove tecnologie in grado di stampare in vetroresina”. Ne ha parlato all’Adnkronos Marinella Levi, responsabile +Lab del Politecnico di Milano, oggi a margine del convegno di Ucina-Satec 2017 a Santa Margherita Ligure.

Levi ha raccontato sul palco della convention agli associati di Ucina gli sviluppi della ricerca, della sperimentazione e dell’innovazione della stampa 3D spiegando come questi si possano coniugare con il mondo della nautica. “C’è poi anche il tema del fine-vita delle barche – ha aggiunto Levi - dove vanno a finire quando non vengono più usate? Spesso in fondo al mare. Ora in una logica di economia circolare possiamo recuperarle, frantumare gli scafi e rimetterli in circolazione”.

“Apparentemente tutti dicono che la stampa 3D è più lenta di processi come lo stampaggio a iniezione tradizionale – ha concluso - Ma se ci confrontiamo con la laminazione siamo più veloci e non abbiamo lo stampo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.