Home . Soldi . Economia . Casino Games: quanto, dove e chi gioca online

Casino Games: quanto, dove e chi gioca online

ECONOMIA
Casino Games: quanto, dove e chi gioca online

In collaborazione con la redazione di: https://wisecasino.net

Case da gioco virtuali, accessibili con qualsiasi dispositivo dotato di connessione ad internet, in cui puntare attraverso transazioni elettroniche su una miriade di tavoli e slot machines. Si chiamano casino online e rappresentano un fenomeno in costante crescita. Quanto, dove e chi scommette in queste “sale da gioco 2.0”?

Quanto si gioca?

Il 2016 ha fatto segnare un record per quanto riguarda l'azzardo online: se la spesa complessiva ha infatti superato il miliardo di euro ben 441 milioni sono stati generati proprio dai casino games, che dominano il mercato attuale rappresentando il 43% del totale e mostrando una crescita del 35% rispetto all'anno precedente.

Un trend estremamente positivo che sembra ripetersi anche in questi primi mesi del 2017. I numeri evidenziano infatti una crescita che varia da un minimo del +22,5% nel mese di gennaio ad un massimo del +33,4% nel mese di maggio, con una media nell'arco dei primi 5 mesi del 2017 pari al +28,8% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Questo risultato non rappresenta soltanto un incremento nel numero di nuovi giocatori, quanto piuttosto l'effetto dell'applicazione di misure atte a contrastare il gioco illegale online , la cui efficacia è stata dimostrata anche negli altri settori non virtuali dell'azzardo , dimezzando di fatto i casi di gioco in violazione delle norme.

Questo, unitamente alle garanzie a tutela dei giocatori dell'offerta legale, ha portato ad una importante transizione degli scommettitori dai siti di gioco non autorizzati e privi di controlli a quelli aderenti alla normativa italiana, recuperando così gran parte del sommerso generato in precedenza sui cosiddetti casino “.com” e producendo incrementi importanti nella crescita del settore legale.

Scendendo nel dettaglio, si stima che in media chi gioca online spende in questa attività circa 48 euro al mese. Un valore che tuttavia tiene conto di tutti i giochi online per denaro (tra cui scommesse sportive, lotterie, poker e bingo) e che con ogni probabilità potrebbe risultare ben più elevato nel caso specifico dei casino games, considerando la tipologia di intrattenimento offerta da questi ultimi.

Dove si gioca?

Il potenziale espresso dal mercato dei casino games in Italia, congiuntamente ad una normativa all'avanguardia rispetto al resto dell'Europa, ha destato l'interesse non soltanto dei più noti operatori e bookmaker nostrani, ma anche di molti marchi conosciuti a livello internazionale.

Al momento attuale sono decine i portali di gioco che permettono di avere accesso ad un casino online, così come sono molti i produttori di software per il gaming via web impegnati nella fornitura di giochi a chi opera nel mercato italiano. L'offerta è diventata così ampia e variegata che per i giocatori non è semplice decidere come scegliere un casino in cui tentare la fortuna. Un'istantanea del mese di maggio, che rappresenta in linea generale le preferenze dei giocatori anche nei mesi precedenti, mostra come sia il casino online di Lottomatica a detenere la quota più ampia del mercato (10%), seguito da quello di Sisal (7,6%) e di Pokerstars (7,2%). Numeri interessanti anche per Eurobet, William Hill, Snaitech e Bwin, le cui quote sono superiori al 5%.

Chi gioca?

Gli uomini, per la maggior parte. Le stime parlano di un 83% di giocatori maschili, contro il 17% di giocatori donne, il cui numero è però in aumento. A livello geografico sembra che gli abitanti del sud e del centro Italia siano più interessati ai casino games rispetto a chi risiede al nord. Per quanto riguarda la fascia di età oltre la metà dei giocatori (53%) ha tra i 25 e i 44 anni. In media dunque il giocatore “tipo” è un giovane uomo che risiede nelle regioni del sud o del centro Italia.

Addentrandosi all'interno delle case da gioco su internet vediamo che la maggior parte dei giocatori preferisce le slot machines, che da sole generano oltre la metà delle puntate complessive. Seguono i classici come roulette e blackjack.

Chi ci guadagna?

Principalmente gli operatori che forniscono giochi da casino e lo Stato, grazie ai prelievi erariali previsti su questo tipo di attività. In alcuni casi anche pochi e fortunati giocatori. La raccolta nel 2016 per i casino games ha raggiunto la ragguardevole cifra di 15 miliardi di euro, confermando il fatto che si tratta di un settore molto proficuo per tutti gli attori coinvolti (anche se la spesa, ovvero il totale delle giocate al netto delle vincite, si è assestata a 441 milioni per via delle elevate percentuali di restituzione in vincite).

A farne le spese sono invece gli individui predisposti al gioco patologico, il cui numero è in preoccupante aumento, per i quali il gioco online si può trasformare facilmente da “divertimento a portata di click” a un vortice dal quale è molto difficile riemergere.

Cosa ne sarà dei Casino sul territorio?

Sono in molti a pensare che l'avvento dei casino online rappresenti una vera piaga per le più classiche ed eleganti sale da gioco “sul territorio”. Fatto messo in risalto dalla decisione di alcuni dei più prestigiosi casino, come quello di Sanremo, di provare ad affacciarsi anche nel settore online proponendo giochi a distanza ai propri clienti.

Eppure, analizzando i dati di bilancio proprio del Casino di Sanremo, si nota come l'incasso del 2016, di circa 50 milioni di euro, sia in linea con quanto fatto registrare nel 2015, nonostante l'avanzata dei colossi dell'online. Anche nel breve termine i numeri fatti registrare sono positivi: da inizio anno si parla di un +2,8% rispetto allo stesso periodo del 2016. Un segno, forse, che i tavoli digitali lasceranno sempre uno spazio all'eleganza e alla ricchezza culturale degli eventi organizzati dalle sale da gioco “di una volta”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI