Home . Soldi . Economia . Sì a licenziamenti over 25, corte Ue dà ragione a Abercrombie

Sì a licenziamenti over 25, corte Ue dà ragione a Abercrombie

ECONOMIA
Sì a licenziamenti over 25, corte Ue dà ragione a Abercrombie

I contratti di lavoro utilizzati dalla Abercrombie & Fitch, che prevedono il licenziamento al 25esimo compleanno, sono legittimi e non contrastano con il diritto dell'Unione. Lo stabilisce una sentenza della Corte di Giustizia dell'Ue, relativa al caso di A.B., un ragazzo che ha lavorato per la casa di moda dal 14 dicembre del 2010 sulla base di un contratto di lavoro a tempo determinato, convertito in contratto a tempo indeterminato il primo gennaio 2012, con mansioni di magazziniere notturno. Secondo il contratto A.B. doveva, senza carattere di continuità, ad ogni richiesta dell’azienda, "garantire l’assistenza ai clienti e operare i registratori di cassa". Nel corso del rapporto di lavoro, per i primi mesi di servizio A.B. ha svolto tra i quattro e i cinque turni settimanali di lavoro notturno, e poi, dal 2011, tre o quattro turni settimanali. I turni venivano assegnati a tutto il personale mediante un prospetto quindicinale. 

Essendosi accorto che il suo nome non figurava più nel prospetto successivo a quello che terminava il 16 luglio 2012, e non avendo più ricevuto nuove chiamate al lavoro, A.B. si è rivolto all'Ufficio risorse umane della Abercrombie. Con una e-mail del 30 luglio 2012, il responsabile delle risorse umane gli ha comunicato che il suo rapporto di lavoro con la Abercrombie era terminato il 26 luglio 2012, data che corrispondeva al giorno del suo 25esimo compleanno, "a causa del venir meno del requisito soggettivo dell'età".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI