Home . Soldi . Economia . Visite fiscali, arriva 'cervellone' che stana i furbetti

Visite fiscali, arriva 'cervellone' che stana i furbetti

ECONOMIA
Visite fiscali, arriva 'cervellone' che stana i furbetti

(Fotogramma)

Dal 1° settembre prende avvio il 'Polo unico per le visite fiscali' con l’attribuzione all'Inps della competenza esclusiva ad eseguire visite mediche di controllo, oltre che ai lavoratori privati, anche ai lavoratori pubblici assenti per malattia, sia su richiesta delle pubbliche amministrazioni in qualità di datori di lavoro, sia d’ufficio (sono escluse dalle competenze Inps le visite al personale delle forze armate, polizia, vigili del fuoco).

Il sistema di gestione delle visite mediche di controllo prevede:

- visite mirate ed efficaci: un sofisticato Data Mining elabora serie storiche di decine di milioni di eventi di malattia e, sulla base di criteri individuati su base statistica, seleziona quotidianamente gli eventi più probabilmente passibili di riduzione della prognosi. La scelta di dove mandare i medici non è casuale;

- visite tempestive: ogni giorno, entro le prime ore del mattino, l’applicativo informatico SAVIO assegna le visite domiciliari ad ognuno dei medici fiscali, combinando le visite mediche di controllo d’ufficio e quelle su richiesta dei datori di lavoro; il medico fiscale riceve in tempo reale le sue VMC sul proprio NetBook (in via di sostituzione con tablet).

- razionalizzazione e minimizzazione dei costi: SAVIO assegna le visite mediche di controllo tra i medici disponibili e a ciascun medico in modo da minimizzarne i percorsi;

- informatizzazione e automazione avanzate: certificati medici, richieste datoriali di visite mediche di controllo, selezione malattie a rischio, assegnazione visite ai medici, esiti delle visite mediche di controllo… tutto avviene attraverso canali informatici e la messa a disposizione delle informazioni ai soggetti interessati-coinvolti è rapida ed efficiente.

BOERI - "Per il polo unico delle visite fiscali a regime avremo a disposizione 50 mln di risorse" ha detto il presidente dell'Inps, Tito Boeri, in occasione della presentazione del 'Polo unico per le visite fiscali'. "Le risorse - ha sottolineato - sono sufficienti, per quest'anno abbiamo 17 milioni, ma a regime avremo appunto 50 milioni e sono sufficienti per affrontare questo compito".

"Questa iniziativa - ha rimarcato - ci permetterà di garantire una maggiore uniformità di trattamento e di gestione delle visite fiscali su tutto il territorio nazionale per dipendenti pubblici e privati. Oggi esiste una sensibile difformità tra pubblico e privato e forse più all'interno del settore pubblico tra le diverse regioni italiane".

Boeri ha chiarito che non si faranno controlli casuali, ma mirati: "Guardando all'esperienza e ai fattori di rischio specifico, ai casi di abuso e di comportamento opportunistico quando sono più frequenti, di storie individuali o piuttosto per alcuni giorni della settimana. Quindi concentrando le visite in alcuni giorni per rendere i controlli maggiormente efficaci".

Il presidente dell'Inps ha spiegato che "con il 'Polo unico per le visite fiscali' noi partiamo il 1° settembre, ma con una fase transitoria perché l'atto di indirizzo non è stato ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale e speriamo che avvenga nel più breve tempo possibile. Abbiamo anche bisogno del decreto" sulle fasce di reperibilità, "questo è molto importante per aumentare l'efficienza dei nostri controlli e dell'attività dei medici".

"Ovviamente - ha sottolineato - se abbiamo fasce di reperibilità diverse tra pubblico e privato questo può comportare il fatto che la gestione delle visite non può essere davvero uniforme. I medici che si trovano ad uscire per fare controlli nel privato non possono fare gli stessi controlli nell'ambito pubblico".

"Per questo - ha ribadito Boeri - noi auspichiamo che vengano adottate le fasce attualmente in vigore nel settore pubblico perché questo ci permetterebbe anche di colmare il divario con altri Paesi".

"APRIREMO BANDO" - Il presidente dell'Inps ha spiegato poi che c'è "un problema di carenza di medici fiscali in alcune realtà territoriali. Più che un problema generale-totale di numero è di distribuzione di medici".

"Ad esempio - ha detto Boeri - in Lombardia c'è una carenza di medici fiscali. In generale, nell'immediato affronteremo questa problematica ricorrendo ai medici dell'Inps e convenzionati, poi a regime affronteremo il problema con un bando che sarà aperto a persone che abbiano le competenze che noi richiediamo, soprattutto in termini di medicina legale".

"Guarderemo con particolare attenzione - ha precisato - ai curricula di coloro che hanno già esperienze maturate anche nell'ambito delle Asl. Chiaramente a questi medici si estenderà la convenzione che andremo ad adottare con i medici fiscali".

OSSERVATORIO STATISTICO - "Al via l'Osservatorio statistico sul Polo unico per le visite mediche di controllo" ha annunciato poi il presidente dell'Inps.

"Nel far partire il Polo unico - ha evidenziato - intendiamo far partire un'operazione di trasparenza verso l'opinione pubblica. Produrremo, a partire da gennaio 2018, un Osservatorio statistico sul polo unico che darà sistematicamente informazioni sulle assenze per malattie, sulle certificazioni e sul numero di giorni di malattia".

"Oltre che - ha aggiunto - sull'esito delle visite sia nel settore del pubblico che privato, per genere e classi di età".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI