Home . Soldi . Economia . Leo di Ibm: "Vi mostro le 5 tecnologie che cambieranno la nostra società"

Leo di Ibm: "Vi mostro le 5 tecnologie che cambieranno la nostra società"

Secondo il direttore tecnico nei prossimi 5 anni macroscopi e ipernasi cambieranno la nostra società

ECONOMIA
Leo di Ibm: Vi mostro le 5 tecnologie che cambieranno la nostra società

"Cinque tecnologie cambieranno la nostra società nei prossimi cinque anni: l'intelligenza artificiale , l'ipervisione, i macroscopi , i nano-laboratori di analisi 'on-a-chip' e i sensori intelligenti". Lo sostiene Pietro Leo, direttore tecnico di Ibm, nel suo contributo contenuto nel quaderno Weconomy #11 “Quid Novi? – Generazioni che collaborano”, raccolta di interviste scaricabile gratuitamente dal sito www.weconomy.it e realizzato dalla Service Design Company Logotel.

Uno studio pubblicato da Ibm Research, 'The invisible made visible', ha individuato le tecnologie che secondo Leo costituiscono "un esempio di come, grazie alla collaborazione artificiale, ci è permesso vedere ciò che è invisibile". Nei prossimi 5 anni grazie all’intelligenza artificiale si potrà creare una sorta di "stetoscopio per le malattie mentali" che rilevi "lo stato della nostra salute mentale". Poi c'è l'ipervisione che consentirà di "vedere oltre la luce visibile. Potremmo in sostanza analizzare con i nostri occhi potenziati gli elementi nutritivi di un cibo o se un farmaco è contraffatto".

I macroscopi aiuteranno a "comprendere la complessità della Terra e dei sistemi che la caratterizzano combinando molteplici variabili", mentre i Nano-Laboratori di Analisi 'on-a-chip' avranno "il ruolo di isolare e analizzare marcatori biologici in nano particelle (dna, virus, esoni) circolanti nei fluidi corporei, rilevando l’insorgenza di patologie". I sensori intelligenti funzioneranno come degli "ipernasi, saranno in grado di rilevare inquinanti nell’ambiente alla velocità della luce".

Con il suo intervento Leo spiega quanto la tecnologia sia "un elemento distintivo tra generazioni distanti nel tempo e quanto il rapporto tra uomo e tecnologia sia diventato un tema cruciale nel dibattito". Un dibattito che ha radici molto antiche. "Se ci pensate la tecnologia, nei secoli, non ha fatto altro che inventarsele di tutti i colori per collaborare con noi. Più o meno lo scopo è stato sempre quello: aiutarci a potenziare le nostre capacità e farci superare alcuni nostri limiti naturali. Sin dall’invenzione dell’aratro".

Le 5 tecnologie individuate da Leo potranno aiutare l'uomo a superare i limiti dei suoi sensi, aiutandolo a "vedere la realtà che lo circonda in modo nuovo e re-interpretarla, in qualche caso, un po’ come il Telescopio ha permesso a Galileo, qualche secolo fa, di dimostrare, addirittura, l’invalidità di un’importante teoria generale, quella che vedeva la Terra al centro del cosmo".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI