Home . Soldi . Economia . Piccole imprese, 1 su 3 vuole assumere

Piccole imprese, 1 su 3 vuole assumere

ECONOMIA
Piccole imprese, 1 su 3 vuole assumere

Tornano ad assumere le piccole imprese. Si tratta di quelle che sono sopravvissute alla crisi, che hanno ridotto il personale negli scorsi anni e che ora credono nella ripresa. Emergono segnali positivi da un'indagine dell'Adnkronos su un campione di oltre mille imprese sotto i 50 addetti, interpellate su tutto il territorio attraverso diverse associazioni d'impresa: una su tre (il 37%) pensa di poter aumentare il numero dei propri dipendenti nell'arco dei prossimi 12 mesi.

Il lento miglioramento nelle condizioni del mercato del lavoro alimentato dalle micro e piccole imprese si evidenzia anche sul fronte dei licenziamenti. Eloquente è infatti il dato che riguarda le scelte compiute negli ultimi dodici mesi: scende al 10% il numero di imprese che è stata costretta a ridurre il personale.

Sono dati che vanno letti in un contesto di ripresa dell'attività. In Italia stanno nascendo più imprese, con un trend che si consolida di mese in mese, e ne stanno fallendo di meno, rispetto agli scorsi anni. Nei primi sei mesi del 2017, secondo dati Infocamere elaborati dall'Adnkronos, sono nate 209 mila imprese (28mila a giugno, 35mila a maggio, 30 mila ad aprile, 42 mila a marzo, 39 mila a febbraio, 35 mila a gennaio) e la proiezione per l'intero anno, ipotizzando costante il risultato del primo semestre anche nel secondo, arriva a 418 mila nuove imprese. Un dato incoraggiante, se confrontato con le 363 mila del 2016 e le 372 mila del 2015.

Stesso trend per quanto riguarda le procedure concorsuali aperte. Sono 5850 nei primi sei mesi del 2017 (1000 a giugno, 1050 a maggio, 950 ad aprile, 1100 a marzo, 950 a febbraio, 800 a gennaio). E anche in questo caso la proiezione per l'anno intero, tenendo sempre costante il risultato del primo semestre anche nel secondo, indica un risultato migliore rispetto a quello dei due anni precedenti: calano a 11.700, rispetto alle 13 mila del 2016 e alle 14 mila del 2015.

Intanto, sempre meno imprese stanno portando i libri in tribunale. Tra aprile e giugno 2017, infatti, secondo i dati ufficiali Unioncamere-Infocamere, sono fallite 3.008 imprese, contro le 3.537 del corrispondente periodo del 2016. In termini percentuali, la frenata è stata del 15% e segna una conferma del risultato dello scorso anno, quando si era già registrata una flessione del 3% rispetto al 2015.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI