I 21 impegni del gruppo Cap contro i cambiamenti climatici

La risposta del gruppo Cap alla Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici? E' racchiuso nel ''progetto cap 21''. Impegni di sostenibilità precisi e ribaditi nell'ultimo bilancio ambientale. Il programma ha impegnato il Gruppo per tutto il 2016 e continuerà nei prossimi anni. Il filo conduttore è rappresentato dalle 5 R della sostenibilità idrica, principi individuati a livello internazionale per una gestione sostenibile dell'acqua: 1. Ridurre i consumi; 2. Riutilizzare l'acqua; 3. Recuperarne i nutrienti; 4. Reindirizzare l'energia; 5. Ricostituire l'ambiente circostante.

Le 21 azioni strategiche ne racchiudono molte altre più specifiche e rappresentano l'impegno quotidiano di Gruppo Cap. In questa cornice sono stati messi a punto alcuni dei progetti che hanno rappresentato l’impegno con gli stakeholder durante il 2016 e che hanno poi avuto concreta attuazione nel 2017.

Tra questi: il convegno internazionale tenutosi al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”, organizzato con il patrocinio del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, di Regione Lombardia, Città Metropolitana di Milano, ATO Città Metropolitana di Milano, Utilitalia e Confservizi Cispel Lombardia, alla presenza dei massimi esperti mondiali di acqua potabile a uso umano. Il convegno è stata l’occasione per confrontare le migliori esperienze europee e programmare al meglio i prossimi passi italiani per l’attuazione e implementazione del Water Safety Plan.

Il lancio della piattaforma +Community, in partnership con Città Metropolitana di Milano, ATO, Arpa, Camera di Commercio, Ordine degli avvocati ed Enea che si è affermata come una vera e propria “università in rete delle conoscenze” che contribuisce alla diffusione e alla crescita del sapere per lo sviluppo della Città Metropolitana di Milano.