Home . Soldi . Economia . L'Italia cresce, Ue rivede Pil al rialzo

L'Italia cresce, Ue rivede Pil al rialzo

ECONOMIA
L'Italia cresce, Ue rivede Pil al rialzo

(FOTOGRAMMA)

In rialzo la previsione di crescita per l'Italia. La Commissione europea rivede infatti al rialzo di ben 0,6 punti percentuali la previsione per quest’anno (a +1,5%), rispetto al +0,9% stimato nel maggio scorso.

Nelle previsioni economiche d’autunno viene anche incrementata la stima dell’andamento del Pil per il 2018, dal +1,1% della primavera scorsa al +1,3% di oggi. Per il 2019, la stima di crescita del prodotto interno lordo è dell’1%.

L'Italia "ha la crescita più debole" dell'Eurozona, "ma ha una ripresa vera". Il Paese "è sulla buona strada" ha sottolineato il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Bruxelles.

Inoltre, la Commissione migliora le stime sul deficit dell’Italia, previsto al 2,1% del Pil quest’anno, dal 2,2% delle previsioni di primavera, a fronte del 2,5% del 2016.

DEFICIT - Alla radice del declino atteso del deficit è la spesa più bassa per gli interessi e l’aumento della spesa corrente (intorno all’1,6%) in termini nominali, che è inferiore alla crescita nominale (2,1%).

PENSIONI - In particolare "le passate riforme delle pensioni, gli aumenti moderati nei salari pubblici (congelati dal 2010) e la spesa sanitaria frenano le dinamiche della spesa".

TRA UN ANNO - Nel 2018 il deficit dovrebbe declinare, secondo le stime della Commissione, all’1,8% del Pil a causa della crescita nominale maggiore (2,6%) e "ad alcune misure tese a ridurre il deficit incluse nel bilancio 2018".

NUOVI ASSUNTI - D’altro canto, nota la Commissione, misure tese ad aumentare il deficit come "una riduzione permanente per tre anni dei contributi per i nuovi assunti e misure in sostegno degli investimenti dovrebbero sostenere la crescita".

NEL 2019 - Il saldo strutturale nel 2017 dovrebbe deteriorarsi lievemente, di circa mezzo punto percentuale, mentre nel 2018 "è stimato in miglioramento marginale". Nel 2019, a politiche invariate, il deficit dovrebbe risalire al 2%, con un deterioramento del saldo strutturale intorno al mezzo punto di Pil.

EUROZONA - Per quanto riguarda poi le stime sulla crescita dell'Eurozona, la Commissione la rivede al rialzo nelle previsioni di autunno: è attesa nel 2017 al +2,2% in termini reali e sarebbe "la migliore del decennio", molto più elevata di quella attesa in primavera (+1,7%).

LE STIME - Nel 2018 la crescita nell'area euro è prevista al 2,1%, rispetto all'1,8% stimato nella primavera scorsa. Per l'Ue le stime sono +2,3% nel 2017, +2,1% nel 2018 e +1,9% nel 2019.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI