Home . Soldi . Economia . Il Gruppo Bracco apre la settimana della cultura d’impresa di Confindustria

Il Gruppo Bracco apre la settimana della cultura d’impresa di Confindustria

ECONOMIA
Il Gruppo Bracco apre la settimana della cultura d’impresa di Confindustria

Impresa e cultura. A novant’anni dalla sua nascita il gruppo Bracco festeggia il compleanno aprendo a Milano la sedicesima settimana della cultura d’impresa di Confindustria. Al centro dell’evento il mecenatismo come risorsa essenziale per la salvaguardia della ricchezza artistica nazionale. "Il rapporto tra imprese e cultura deve essere un rapporto forte e proficuo - dice Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretario del ministero dei Beni Culturali e del Turismo - le barriere ideologiche non hanno senso. Il patrimonio culturale italiano è immenso e non può certo essere sostenuto solo dalle istituzioni pubbliche" (VIDEO).

Visto con diffidenza negli scorsi anni, il mecenatismo è ora al centro del dibattito culturale italiano. "È il cemento della società civile" sostiene Diana Bracco, presidente della Fondazione Bracco.

"Noi lo diciamo da sempre e abbiamo portato avanti questa battaglia con tantissime iniziative, tra cui il sostegno alla mostra di Caravaggio a Milano. Per il 2018 abbiamo in cantiere un grande progetto sulla Cappella Sistina dedicato alle scuole d'Italia".

Gli investimenti dei privati trovano terreno fertile a Milano che, con l'eventuale arrivo dell'Ema, agenzia europea del farmaco, potrebbe attirare altri investitori anche in ambito culturale. Ma, secondo Massimo Cacciari, professore emerito di filosofia all’Università Vita-Salute San Raffaele, non tutte le città italiane sono all'avanguardia come Milano.

"A Venezia, a Firenze e in altre città è estremamente più difficile trovare un connubio tra imprese e patrimonio culturale. Bisogna capire che non importa chi gestisce il bene, se sia un soggetto pubblico o privato, ma come viene gestito".

Un amore, quello tra privati e cultura, che è sbocciato dopo anni in cui era diffusa la convinzione che con la cultura non si potesse mangiare. Per smentire questo pregiudizio e stimolare gli investimenti è stato introdotto Art bonus, grazie al quale, dice il sottosegretario Borletti Buitoni, "c'è la possibilità di poter dedurre dalle proprie tasse quello che è stato dato per il mantenimento del patrimonio culturale pubblico. È un passo fondamentale perché è un modo per dire a tutti gli interlocutori interessati che insieme possiamo vincere la scommessa di un Paese che ha nella cultura la sua identità".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI