Home . Soldi . Economia . "Debito alto", Italia sotto lente Ue

"Debito alto", Italia sotto lente Ue

ECONOMIA
Debito alto, Italia sotto lente Ue

(Foto Fotogramma)

Il debito pubblico dell’Italia, che "rimane elevato", è "motivo di preoccupazione". Pertanto, in una "lettera alle autorità italiane", il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis e il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici "hanno avvisato che la Commissione intende riesaminare il rispetto dell’Italia dell’obiettivo di riduzione del debito nella primavera del 2018". Lo rende noto la Commissione europea, nell’ambito del pacchetto di autunno del semestre europeo, approvato oggi dal collegio dei commissari.

"Dombrovskis e Moscovici chiedono al governo di spiegare alcuni aspetti delle misure di bilancio adottate per il 2017 e per il 2018. Il governo è fiducioso che attraverso il dialogo costruttivo con la Commissione potranno essere chiariti i diversi punti di vista, senza la necessità di ricorrere ad ulteriori interventi", commentano fonti Mef. "La Commissione europea apprezza i risultati del processo di consolidamento dei conti pubblici messo in atto dal governo negli ultimi anni - aggiungono le fonti - e per il 2018 riconosce la misura dello 0,3% per l'aggiustamento strutturale del bilancio".

"Oggi forniamo le opinioni sui documenti programmatici di bilancio ed esortiamo gli Stati membri che rischiano di non rispettare il patto di stabilità a prendere le misure necessarie a correggere il loro percorso di bilancio", ha affermato Dombrovskis aggiungendo: Pierre Moscovici "e io abbiamo appena inviato una lettera al ministro" dell'Economia Pier Carlo "Padoan, in cui sottolineiamo che l'adozione delle sue misure chiave senza alcun annacquamento è cruciale". Manovra che deve essere "attuata rigidamente", per realizzare "uno sforzo strutturale pari almeno allo 0,3% del Pil".

"La Commissione europea non è mai qui per porre dei problemi o per additare dei colpevoli, ma per trovare soluzioni nel dialogo", ha sottolineato dal canto suo Moscovici. E "un buon dialogo si fonda sui fatti", ha aggiunto.

"Dombrovskis e Moscovici chiedono al governo di spiegare alcuni aspetti delle misure di bilancio adottate per il 2017 e per il 2018. Il governo è fiducioso che attraverso il dialogo costruttivo con la Commissione potranno essere chiariti i diversi punti di vista, senza la necessità di ricorrere ad ulteriori interventi" commentano fonti Mef.

"La Commissione europea apprezza i risultati del processo di consolidamento dei conti pubblici messo in atto dal governo negli ultimi anni - aggiungono le fonti - e per il 2018 riconosce la misura dello 0,3% per l’aggiustamento strutturale del bilancio".

Il debito pubblico italiano nel 2016, continuano Moscovici e Dombrovskis, "era al 132% del Pil, confermando quindi che sono stati fatti progressi insufficienti verso il rispetto del criterio del debito in quell’anno. Guardando avanti, prevediamo che il rapporto debito/Pil dell’Italia si stabilizzi nel 2017 e cali leggermente, al 130,8% nel 2018".

"Ci sono rischi - aggiungono - inerenti alle previsioni per il 2018, connessi a prospettive di crescita nominale peggiori del previsto, ricavi più bassi dalle privatizzazioni e la prevista registrazione statistica delle operazioni di sostegno al settore bancario, come pure un grande stock rimanente di debiti commerciali arretrati della Pubblica amministrazione".

"Complessivamente, le sfide sulla sostenibilità per l’Italia restano alte nel medio termine. Malgrado il fatto che l’Italia non ha rispettato il criterio del debito nel 2015 - continuano Dombrovskis e Moscovici - la Commissione ha concluso, dopo aver esaminato tutti i fattori rilevanti, che una procedura per deficit eccessivo fondata sul debito non dovesse essere aperta, a patto che l’Italia assicurasse un complessivo rispetto dei requisiti del braccio preventivo (del patto di stabilità, ndr) nel 2016".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI