Ryanair sciopera

Piloti e assistenti di volo delle basi italiane di Ryanair incroceranno le braccia per lo sciopero proclamato dall'Anpac.

15 DICEMBRE - "Dopo aver esperito senza esito tutti i tentativi di dare avvio a un percorso negoziale formale per il riconoscimento dei propri diritti e per avere un contratto collettivo di lavoro nazionale - sottolinea in una nota - il personale navigante di Ryanair aderente ad Anpac ha votato a larghissima maggioranza per la prima dichiarazione di sciopero dalle 13 alle 17 del prossimo 15 dicembre".

Lo sciopero, rileva, "interesserà tutti i voli in partenza dalle basi italiane ed è stato dichiarato non per mere rivendicazioni economiche ma per il riconoscimento e il rispetto dei diritti previsti dall’ordinamento nazionale italiano e per vedere riconosciuto il diritto dei Piloti e degli assistenti di volo di Ryanair operanti stabilmente sulle basi italiane ad essere rappresentati a livello nazionale da propri rappresentanti regolarmente eletti ed organizzati nell’ambito delle associazioni sindacali nazionali".

LE MOTIVAZIONI - Lo scopo finale dell’azione di sciopero, aggiunge l'Anpac, "è l’ottenimento di un contratto collettivo unico che regoli i rapporti di lavoro di tutti i piloti e assistenti di volo Ryanair operanti sulle basi italiane e il superamento delle disparità che oggi caratterizzano i rapporti di lavoro del personale navigante".

Anpac, forte dell’elevatissima rappresentatività raggiunta tra il personale navigante Ryanair operante in Italia, auspica "che quanto prima il management di Ryanair apra le porte a un dialogo costruttivo e positivo con i rappresentanti dei propri piloti e assistenti di volo".

IN EUROPA - Analoghi percorsi sono in corso negli altri Paesi europei in cui opera Ryanair, in accordo alle diverse legislazioni nazionali, con le medesime rivendicazioni e per stabilire un piano virtuoso di relazioni industriali in Ryanair a livello di quanto già in essere in altre compagnie aeree transnazionali come easyJet, Norwegian e Vueling.

Anpac conferma che l’azione sindacale del 15 dicembre sarà effettuata nel pieno rispetto della normativa nazionale italiana limitando al massimo i disagi dei passeggeri.