Home . Soldi . Economia . Cina e Ue più vicine, nel 2016 1,5 milioni di cinesi in Europa e il trend cresce

Cina e Ue più vicine, nel 2016 1,5 milioni di cinesi in Europa e il trend cresce

ECONOMIA
Cina e Ue più vicine, nel 2016 1,5 milioni di cinesi in Europa e il trend cresce

(Fotogramma)

Cina e Ue sempre più vicine grazie al turismo. Nel 2016 hanno visitato l’Europa un milione e mezzo di cinesi e nei prossimi anni il trend sarà ancora in crescita. A fronte di questi dati l’Europa parla un'unica voce e dà vita a una piattaforma web a cui possono accedere le aziende dei singoli paesi della Comunità per far conoscere la loro proposta. Lo ha detto stamane a Venezia Nikolina Angelkova, ministro del Turismo della Bulgaria, aprendo l’anno del turismo Ue-Cina. L’incontro bilaterale si svolge a Palazzo Ducale a Venezia.

Il turismo cinese in Europa rappresenta un'occasione per le aziende, ha osservato Angelkova, "ma è necessario che la concessione dei visti per il transito dei cittadini in Europa sia poi veloce. Questo permetterà di rispondere in modo adeguato agli aspetti organizzativi e di offerta da parte degli operatori del settore. Attualmente le proposte delle singole aziende europee viaggiano separate ma con la piattaforma web unica tutto sarà più organizzato. Così anche per le fiere del turismo che si svolgono in Cina ogni anno. In programma ce ne sono tre".

A Venezia e nel Veneto, ha ricordato il presidente della Regione Luca Zaia, "arriva un numero importante di turisti che rafforza i legami di questo territorio con la Cina".

Ekzbieta Bienkowka, commissario europeo per il mercato interno. ha rivelato che il Summit 16+1 che si terrà Sofia a metà semestre avrà una giornata di studio dedicata ai rapporti con la Cina nell’ambito del turismo: "L’unione Europea vuole parlare con una voce sola, anche se ogni singolo paese si deve dotare di specifici interventi per attrarre turisti cinesi", ha detto.

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ricordando i forti legami che da sempre uniscono la città lagunare con la Cina, ha sottolineato la necessità di vedere oltre il turismo, a cui va accostato "il business del lavoro e quello in generale della congressistica".

Per il governo alla inaugurazione dell’anno del turismo Cina-Ue era presente Dorina Bianchi, sottosegretario ai Beni con delega al Turismo: ”Il nostro paese ha in tutto il territorio una infinità di gioielli da mostrare - ha detto - Lo scorso anno il tema erano i borghi, i piccoli paesi che conservano ricche tradizioni. Il 2018 è dedicato alle tradizioni alimentari ed enogastronomiche. Si tratta di una offerta che non teme certo rivali”.

Al via i lavori del Forum Culturale Italia-Cina, Rutelli: 'Intreccio crea opportunità'

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.