Home . Soldi . Economia . Ryanair, lancia 37 nuove rotte

Ryanair, lancia 37 nuove rotte

ECONOMIA
Ryanair, lancia 37 nuove rotte

(Foto Fotogramma)

Continua la crescita di Ryanair sul mercato italiano. La compagnia low cost irlandese ha annunciato oggi la programmazione invernale 2018/2019 dall’Italia con 37 nuove rotte verso destinazioni tra cui Amman e Aqaba in Giordania che permetteranno di trasportare un totale di 39 milioni di passeggeri all’anno in 29 aeroporti italiani, con una crescita del 5%. Ryanair ha inoltre lanciato 2 nuove rotte da Crotone per Milano Bergamo e Pisa, che saranno operative durante la stagione estiva 2018.Ad annunciarlo è stato il ceo di Ryanair, Michael O'Leary, in una conferenza stampa a Roma.

“Siamo lieti di lanciare la più grande programmazione di sempre dall’Italia per l’inverno 2018/2019, con 37 nuove rotte e più voli su 18 rotte esistenti, che permetteranno di trasportare 39 milioni di passeggeri in 29 aeroporti italiani con una crescita del 5%. I clienti e visitatori italiani possono prenotare da oggi le proprie vacanze per la stagione invernale 2018/2019, con tariffe ancora più basse", ha detto O'Leary.

Da Milano Bergamo sono previste nuove rotte per Amman, Faro, Tangeri, Palma, Kaunas e Tenerife; da Ciampino Aqaba, Baden Baden, Palma; da Bologna Amman, Kaunas, Alicante, Manchester e Porto; da Pisa Praga e Danzica; da Palermo Colonia e Valencia; da Catania Marrakesh e Siviglia; da Bari Dublino.

Partono nuove rotte anche da Napoli con i collegamenti per Marrakesh e Conpenhagen; da Cagliari per Baden Baden, Porto, Siviglia, Valencia, Dusseldorf Weeze, Varsavia Modlin; da Brindisi Memmingen e Verona; da Pescara per Malta e da Venezia per Siviglia, Vilnius, Gran Canaria, Amburgo e Manchester.

O'Leary ha confermato la chiusura della base di Trapani. "Non riapriremo la base quest'estate. Aspettiamo un nuovo bando di gara e vi parteciperemo. Poi in base all'esito, possiamo riattivare le rotte e possiamo ottimisticamente all'estate del 2019".

Altra questione affrontata da O'Leary è l'indagine dell'Antitrust sulle limitazioni ai bagagli dei passeggeri. L'autorità, ha detto, "si focalizza un po' troppo su di noi con 11 investigazioni in 8 anni" mentre "ci sono altre cose che dovrebbero guardare e non questa, che è una questione di policy di una compagnia". "Se l'Enac ce l'aveva avallata non capisco perché altri non lo facciano", ha sottolineato O'Leary che oggi incontrerà anche i rappresentanti dell'Antitrust.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.