Home . Soldi . Economia . Record storico italiani a rischio povertà

Record storico italiani a rischio povertà

ECONOMIA
Record storico italiani a rischio povertà

(Fotogramma)

Nel 2016 la quota di italiani residenti (quindi nati sia in Italia che all'estero) a rischio di povertà è salita al 23%: si tratta del massimo storico da quando la Banca d'Italia ha iniziato questo tipo di rilevazioni. Il livello di povertà è quello di persone che dispongono di un reddito equivalente inferiore al 60% di quello mediano.

L'analisi fornita da Via Nazionale mostra come rispetto al 2006 la quota di rischio - valutata in base alle caratteristiche del capofamiglia - sia cresciuta (spesso in maniera notevole) per quasi tutte le fasce di età, geografiche e condizione professionale. Unica eccezione i pensionati, la cui percentuale di individui a rischio è scesa dal 19,0% del 2006 al 16,6% del 2016.

In netta salita invece le 'difficoltà' per i nuclei con capofamiglia di età inferiore a 35 anni (quota salita dal 22,6 al 29,7%), per chi vive al Nord (dall'8,3 al 15%) e soprattutto per gli immigrati, dove il rischio povertà è balzato dal 33,9 al 55%. Stabile, invece, pur se a livelli molto elevati, la percentuale di rischio povertà al Sud, che rimane al 39,4% (valore pressoché identico a dieci anni prima).

RICCHEZZA - Si confermano le forti disparità di distribuzione della ricchezza delle famiglie italiane. L'indagine di Bankitalia sui loro bilanci mostra infatti come il 30% di famiglie più povere detiene l'1% della ricchezza netta mentre il 5% più ricco ne controlla il 30%.

Alla fine del 2016 la ricchezza netta media delle famiglie italiane era pari a 206mila euro, in calo di 12mila euro rispetto al valore di fine 2014. La Banca d'Italia nell'indagine sottolinea come sull'andamento della ricchezza pesa anche notevolmente il calo dei valori immobiliari registrato dallo scoppio della crisi globale.

Infatti il 70% delle famiglie possiede l'abitazione in cui vive (una quota piuttosto stabile, anche se in calo significativo per le fasce più giovani) e le attività 'reali' - che includono appunto immobili, ma anche aziende e oggetti di valore - pesano per ben l'87% del patrimonio lordo delle famiglie italiane.

Peraltro le attività finanziarie rappresentano una quota vicina allo zero (in totale l'1,1%) per ben il 20% delle famiglie mentre più della metà - ovvero il 52,5% - è nella disponibilità del 10 per cento più ricco.

REDDITO MEDIO - Nel 2016 il reddito equivalente medio delle famiglie italiane è cresciuto del 3,5% rispetto al 2014, interrompendo la caduta, pressoché continua, avviatasi nel 2006. Via Nazionale tuttavia sottolinea come il reddito equivalente resti ancora inferiore di 11 punti percentuali a quello di dieci anni prima.

INDEBITAMENTO - Si conferma il calo dell'indebitamento delle famiglie italiane: infatti - rivela Bankitalia - nel 2016 la percentuale di nuclei indebitati era scesa al 21% dal 23% di due anni prima (era il 29% nel 2008). Tuttavia questo fenomeno ha interessato soprattutto quelle famiglie con un capofamiglia 'senior', ovvero oltre i 45 anni: in questa fascia la quota è scesa dal 38 al 29%.

Complessivamente le passività finanziarie rappresentano meno del 5% del patrimonio lordo delle famiglie italiane, con un livello medio - per i nuclei indebitati - di circa 50mila euro, valore che scende a 12mila euro per il 20% di quelli meno abbienti e sale a 171mila euro per il 5% più benestante.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.