Nuovo sciopero Ryanair

L'ondata di scioperi di Ryanair arriva anche in Italia. I piloti e assistenti di volo della compagnia low cost irlandese si fermeranno, infatti, per uno sciopero di 24 ore il 25 luglio prossimo. Ad annunciarlo sono i sindacati di categoria Filt-Cgil e Uiltrasporti, spiegando che "l’agitazione si inserisce in un quadro internazionale di scioperi del personale navigante Ryanair, proclamati dalla maggioranza dei sindacati europei del trasporto aereo, contro l’approccio della compagnia irlandese verso i propri lavoratori".

A incrociare le braccia mercoledì 25 luglio saranno anche i lavoratori di Spagna, Portogallo e Belgio che a differenza dell'Italia protrarranno lo sciopero anche il giorno seguente, giovedì 26 luglio. I sindacati, che hanno pubblicato un elenco di modifiche ritenute necessarie, hanno fatto sapere che altre azioni di protesta potrebbero esserci se la compagnia aerea irlandese non aprirà ad alcune concessioni, si legge sul 'Guardian'. Richieste che Ryanair ha definito "inutili", insistendo sul fatto che i dipendenti godono già di buone condizioni di lavoro. "Nessun progresso è stato fatto, nonostante Ryanair abbia affermato di essere in trattative con i sindacati in tutta Europa", fa sapere la International Transport Workers' Federation.

"Per i passeggeri della compagnia aerea irlandese sono insomma previsti molti disagi quest'estate", si legge in una nota di Airhelp, piattaforma che aiuta i passeggeri ad ottenere un rimborso per ritardi, cancellazioni e overbooking. "Dopo la conferma degli scioperi dei piloti irlandesi per la giornata del 12 luglio, è emerso che non è ancora stato raggiunto un accordo tra la compagnia low cost e i sindacati degli assistenti di volo e gli scioperi influenzeranno i voli in Italia, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi e Belgio". "Neanche il sindacato tedesco Vereinigung Cockpit, che rappresenta i piloti, ha raggiunto un accordo: se non ci saranno sviluppi positivi e non si raggiungerà un accordo entro la fine di luglio, lo sciopero potrebbe coinvolgere anche la Germania", aggiunge.