Home . Soldi . Economia . Malati quando si è in ferie, che succede

Malati quando si è in ferie, che succede

ECONOMIA
Malati quando si è in ferie, che succede

Immagine di repertorio (Fotogramma)

La funzione delle ferie è di permettere al lavoratore di recuperare energie psico-fisiche dopo un duro anno in ufficio. Per questo la Costituzione italiana stabilisce che il diritto al riposo è irrinunciabile. Tuttavia, potrebbe accadere che durante le ferie si verifichino delle situazioni che ne impediscono il godimento. In questi casi il lavoratore ha diritto alla sospensione delle ferie, che potrebbero essere godute in un secondo momento. Tra le motivazioni che comportano la sospensione delle ferie c’è la malattia, come stabilito dalla Corte di Cassazione nella storica sentenza 616/1987.

Si ha diritto alla sospensione, però, solo nel caso in cui la patologia insorta è talmente grave da impedire il godimento delle ferie nonché il recupero delle energie psico-fisiche. La richiesta di sospensione va effettuata dal lavoratore che come prima cosa deve chiedere il rilascio del certificato medico per poi consegnarlo al datore di lavoro. In caso di sospensione spetterà all'Inps pagare l'indennità di malattia prevista, il quale allo stesso tempo avrà la facoltà di disporre la visita fiscale al fine di accertare l'effettivo impedimento, causato dalla malattia. Anche in caso di ricovero del figlio il dipendente ha diritto alla sospensione delle ferie. La sospensione però è illimitata solo per i figli di età inferiore ai 3 anni, mentre per quelli di età compresa tra i 3 e gli 8 anni non può prolungarsi di oltre 5 giorni.

È importante sottolineare che tutte le regole suddette valgono per la generalità dei lavoratori, ma che i singoli contratti collettivi possono prevedere nelle norme specifiche. Ad esempio, ci sono dei CCNL, dove è sufficiente la malattia del figlio (senza ricovero) per la sospensione delle ferie.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.