Ponte Morandi, via capo ispettori. Lascia Brencich

Roberto Ferrazza e Antonio Brencich via dalla commissione ispettiva del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha il compito di far luce sulle cause del crollo del ponte Morandi di Genova. Il professor Brencich ha rassegnato ieri ufficialmente le sue dimissioni. Il Ministero, come si legge in una nota del Mit, lo ha ringraziato per il lavoro svolto e per il gesto che mostra grande professionalità e sensibilità istituzionale.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha anche dato mandato per la revoca dall’incarico di presidente della stessa commissione per l’architetto Roberto Ferrazza, secondo "ragioni di opportunità" in relazione a tutte le istituzioni coinvolte nella vicenda.

"La mia decisione di dimettermi - spiega all'Adnkronos Brencich - è ufficiale. La questione del verbale di febbraio ha avuto non solo grande attenzione mediatica ma è diventata anche uno degli elementi di confronto politico e questo fa perdere serenità al lavoro della commissione. Ho ritenuto che il mio passo indietro, che avevo già discusso 3 giorni fa con il ministero, fosse necessario per riportare serenità. Queste decisioni - conclude - si prendono in accordo con l'ente e ci siamo confrontati".

Il Mit ha annunciato che sarà a breve aggiunto all'organico della commissione ispettiva Alfredo Principio Mortellaro. Dirigente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Mortellaro rappresenta una figura professionale di altissimo livello e con una esperienza trentennale alle spalle. Peraltro, nell’ambito dei molteplici compiti istituzionali, ha anche lavorato al collaudo di opere come il Terzo Valico.