Home . Soldi . Economia . Mutui, le offerte di ottobre

Mutui, le offerte di ottobre

ECONOMIA
Mutui, le offerte di ottobre

(Fotogramma)

Per gli italiani che intendono acquistare una casa il periodo è propizio. Complice la 'gara' tra gli istituti, la rata media da pagare a fine mese è scesa ai minimi storici e, a vantaggio di chi è a caccia di un finanziamento, ci sono anche diverse promozioni. Al momento si può tenere a bada il timore che con l'aumento dello spread ci sia una crescita dei tassi di interessi sui mutui che possa far lievitare l'importo della rata mensile. Quando si parla di spread dei mutui si fa riferimento al margine di guadagno che applica la banca, che si aggiunge al parametro di riferimento, che può essere il tasso Euribor (mutuo variabile) o Eurirs (mutuo fisso), così da definire il tasso finale del piano ammortamento.

Torniamo alle novità di ottobre. Per quanto riguarda i mutui a tasso fisso, Banco BPM ha aumentato di 15 punti base per le durate superiori ai 20 anni; Cariparma ha fatto salire gli spread tra i 10 e i 15 punti base in funzione di durata e loan-to-value; Chebanca ha applicato una crescita di 15 punti base; Intesa Sanpaolo ha aumentato i tassi di circa 15 punti base; Webank ha alzato gli spread di 15 punti base. Sul lato mutui a tasso variabile, CheBanca a ottobre ha aumentato gli spread di 10 punti base.

Chi intende accendere un mutuo si trova a dover affrontare una scelta importante, quella di un mutuo a tasso fisso o di un mutuo a tasso variabile. Quale scegliere? I mutui non sono tutti uguali: certo, se si sceglie un mutuo a tasso fisso l'importo della rata è fisso e costante anche se cambiano i tassi sul mercato. Il confronto aiuta proprio a stabilire la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Ecco due simulazioni di acquisto realizzate per AdnKronos da MutuiSupermarket.it:

Simulazione per mutuo a tasso variabile - Mutuo acquisto, tasso variabile a 20 anni per un importo di 140.000 euro su un valore dell'immobile di 280.000 euro, richiesto da un 34enne residente a Roma. In questo caso, fra i primi 5 istituti che propongono le condizioni più convenienti, abbiamo Credem (istruttoria in filiale, indice Euribor 3 mesi, Spread 0,65%; TAN 0,33%; rata 602,76 €, TAEG 0,64%); IW Bank (istruttoria online; indice Euribor 1 mese; Spread 0,85%; TAN 0,55%; rata 616,14 €; TAEG 0,65%); Hello Bank (istruttoria online; indice Euribor 1 mese; Spread 0,90%; TAN 0,53%; rata 614,86 €; TAEG 0,65%); Intesa SanPaolo (istruttoria in filiale; Euribor 1 mese; Spread 0,90%; TAN 0,53%; rata 614,86 €; TAEG 0,69%); UBI Banca (istruttoria in filiale; Euribor 1 mese; Spread 0,85%; TAN 0,55%; rata 616,14 €; TAEG 0,69%).

Simulazione per mutuo a tasso fisso - Mutuo acquisto, tasso fisso a 20 anni per un importo di 140.000 euro su un valore dell'immobile di 280.000 euro, richiesto da un 34enne residente a Roma. A ottobre fra le 5 proposte più convenienti risultano quelle di Credem (istruttoria in filiale; TAN 1,10%; rata 650,12 €; TAEG 1,39%); Webank (istruttoria online; TAN 1,30%; rata 662,76 €; TAEG 1,60%): IWBank (istruttoria on line; TAN 1,55%; 678,79€; TAEG 1,61%); Unicredit (istruttoria in filiale; TAN 1,55%; rata 678,79 €; TAEG 1,67%); BPER (istruttoria in filiale; TAN 1,50% rata 675,56; TAEG 1,70%); Banco di Sardegna (istruttoria in filiale; TAN 1,50%; rata 675,56 €; TAEG 1,70).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.