Home . Soldi . Finanza . Telecom, Vivendi conferma linea e chiede quattro rappresentanti in cda

Telecom, Vivendi conferma linea e chiede quattro rappresentanti in cda

FINANZA
Telecom, Vivendi conferma linea e chiede quattro rappresentanti in cda

Vincent Bolloré (foto Afp)

Vivendi conferma la sua linea ma nello stesso tempo chiede una rappresentanza forte nella governance di Telecom Italia con l'indicazione di quattro consiglieri nel board. "La nostra posizione non è cambiata. E' sempre la stessa. Non ho nulla da aggiungere", spiega il presidente del management board di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine in un botta e risposta con i giornalisti all'uscita dallo studio legale Chiomenti. Quella presso i legali della media company francese è stata la seconda tappa della visita lampo del manager a Roma, dove in mattinata si è recato alla Consob per fornire i chiarimenti richiesti dall'Autorità.

In un incontro durato circa un'ora e mezza, de Puyfontaine avrebbe quindi fornito delucidazioni sulla presenza azionaria di Vivendi nel capitale del gruppo italiano; quanto ad eventuali acquisti di azioni risparmio prima della decisione del cda di convertirle in ordinarie, l'ipotesi era già stata smentita dalla stessa Vivendi il 7 novembre scorso.

Nella serata di ieri Vivendi aveva comunicato la propria richiesta circa la nomina di quattro consiglieri in cda, a partire da de Puyfontaine. A giorni - e comunque non oltre il 30 novembre - il board di Telecom Italia si riunirà per prendere atto della verifica che la società francese possiede almeno il 2,5% del capitale e mettere quindi la richiesta all'ordine del giorno dell'assemblea del 15 dicembre prossimo.

Oltre a de Puyfontaine, la media company francese propone all'assemblea la nomina di Stephane Roussel, chief operating officer, del direttore finanziario Hervé Philippe e Felicité Herzog come nuovi consiglieri della società, con l'aumento del numero dei componenti del board da 13 a 17. Oltre ai quattro nuovi amministratori, il gruppo francese puo' contare anche sull'appoggio del consigliere di amministrazione Tarak Ben Ammar, amico e alleato storico del presidente di Vivendi, Vincent Bollore'.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI