Home . Soldi . Finanza . Borse europee in calo: Milano -1,8%. Mps perde il 14%

Borse europee in calo: Milano -1,8%. Mps perde il 14%

FINANZA
Borse europee in calo: Milano -1,8%. Mps perde il 14%

Le Borse europee chiudono la prima seduta della settimana in ribasso con Piazza Affari maglia nera per le forti vendite sul comparto bancario. A soffrire è l'intero settore europeo del credito, ma a sei giorni dal referendum costituzionale il bersaglio sono gli istituti italiani. In calo anche il comparto petrolifero dove prevale lo scetticismo sull'esito delle trattative dell'Opec per il taglio della produzione.

A Milano il Ftse Mib perde l'1,81% a 16.217 punti; lo spread Btp-Bund decennali è stabile a 187,5 punti con un rendimento del 2,07%. Londra cede lo 0,60%, Francoforte arretra dell'1,09%, Parigi flette dello 0,88%. A Piazza Affari pesante l'indice bancario che perde il 3,85%. Ribasso a due cifre per Mps che perde il 13,80% a 17,24 euro. Al via oggi la conversione dei bond subordinati della banca senese, mentre in Borsa debutta il raggruppamento del titolo per il piano di salvataggio che prevede una maxi ricapitalizzazione da 5 miliardi di euro.

Sotto pressione Unicredit (-4,52% a 1,881), Banco Popolare -5,05%, Bpm -5,04% e Bper -6,58% che sabato ha approvato in assemblea la trasformazione in spa. Male Intesa Sanpaolo (-3,22% a 1,955 euro), mentre il Financial Times ha dedicato un articolo al rischio bancario in Italia in caso di vittoria del No. Vendite anche su Telecom Italia (-4,27% a 0,684 euro) e fra i petroliferi Tenaris (-2,58%), Saipem (-2,58%) ed Eni (-1,49%). In territorio positivo sul listino principale solo due titoli: Terna (+1,07%) e Ynap (+0,23%).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI