Home . Soldi . Finanza . Mediaset, esposto Fininvest a Consob contro Vivendi. I francesi verso il 30%

Mediaset, esposto Fininvest a Consob contro Vivendi. I francesi verso il 30%

FINANZA
Mediaset, esposto Fininvest a Consob contro Vivendi. I francesi verso il 30%

(Fotogramma)

Prosegue la guerra aperta su Mediaset. Fininvest ha presentato oggi alla Consob un esposto per manipolazione del mercato e abuso di informazioni privilegiate nei confronti di Vivendi per la scalata sulla società italiana. L’atto fa seguito alla denuncia presentata da Fininvest alla Procura della Repubblica di Milano il 13 dicembre scorso e inviata per conoscenza anche alla Consob.

Nell’esposto si chiede alla Commissione che vigila sulle società quotate di esercitare i poteri che le norme le attribuiscono in materia. I legali di Fininvest oggi hanno anche depositato presso la Procura di Milano ulteriori documenti relativi alla vicenda.

Vivendi, intanto, decide di aumentare il suo investimento in Mediaset acquistando azioni fino al limite del 30% del capitale e dei diritti di voto. Lo annuncia il gruppo francese in una nota spiegando che la decisione è arrivata dal board con l'autorizzazione del Consiglio di sorveglianza.

Nel ricordare i passaggi del'accordo "strategico e industriale" siglato l'8 aprile scorso con Mediaset per il 100% di Premium con l'acquisto del 3,5% del capitale di Mediaset in cambio del 3,5% del capitale di Vivendi, il gruppo spiega che l'operazione non andata in porto "sfortunatamente ha portato a una causa legale e le proposte di Vivendi avanzate con l'obiettivo di trovare una soluzione amichevole non hanno trovato d'accordo Mediaset e il suo azionista Fininvest".

Il gruppo spiega poi che "ritenendo che l'interesse strategico della partnership industriale annunciata l'8 aprile 2016 prevalga sulla posta in gioco della causa, Vivendi ha deciso di diventare il secondo più grande azionista industriale di Mediaset con l'acquisizione, per cominciare, del 20% del capitale di Mediaset".

"Facendo seguito all'incontro tra il ceo Arnaud de Puyfontaine e il ceo di Mediaset Pier Silvio Berlusconi, il 16 dicembre scorso e il comunicato stampa diffuso da Mediaset il 17 dicembre e considerando le recenti posizioni di Fininvest, il board di Vivendi si è incontrato oggi e ha deciso, con l'autorizzazione del Consiglio di sorveglianza, di aumentare il suo investimento in Mediaset acquistando ulteriori azioni secondo le condizioni di mercato entro il limite del 30% del capitale sociale e dei diritti di mercato".

Vivendi ricorda infine che "la sua presenza nel capitale di Mediaset è in linea con l'intenzione del Gruppo di sviluppare le sue attività in Sud Europa e le sue ambizioni strategiche come major internazionale, basata in Europa, e di gruppo media e di produttore di contenuti".

"Con il suo annuncio, Vivendi prosegue in una strategia molto aggressiva che, mossa dopo mossa, non fa che confermare tutte le irregolarità e le gravi violazioni evidenziate da Fininvest nelle denunce e negli esposti presentati alla Procura della Repubblica e alla Consob, con il deposito di adeguata documentazione". Lo evidenzia Fininvest in una nota.

"A queste prime azioni giudiziarie - prosegue la nota di Finivest che segue l'annuncio di Vivendi di essere ulteriormente salita nel capitale Mediaset - altre faranno seguito, sul piano sia penale che civile e amministrativo. Nessun profilo di intervento verrà trascurato".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI