Home . Soldi . Finanza . Milano chiude in rosso, vola Luxottica (+8,25%) su fusione con Essilor

Milano chiude in rosso, vola Luxottica (+8,25%) su fusione con Essilor

FINANZA
Milano chiude in rosso, vola Luxottica (+8,25%) su fusione con Essilor

Avvio di ottava negativo per le principali piazze finanziarie europee che chiudono tutte in calo. E' Milano a mettere a segno la peggiore performance (-1,37%), dopo che l'agenzia Dbrs ha tagliato il rating da A a BBB con outlook stabile. Il giudizio ha spinto le vendite in particolare sul comparto finanziario: Unipolsai -3,08%, Ubi banca -2,96%, Generali -2,28%, Banca Mediolanum -1,99%, Unicredit -2,67%, Intesa -1,87%. Banco Bpm ha perso il 2,52%. Di questa mattina la notizia che la procura di Milano ha richiesto documenti e informazioni per verificare l'ipotesi di reato di aggiotaggio in relazione alle indiscrezioni di stampa di alcuni mesi fa. Il reato ipotizzato è contro ignoti.

Per quanto riguarda il mercato obbligazionario, lo spread tra i titoli decennali italiani e tedeschi chiude a 158 punti base con un rendimento dell'1,92%. A trascinare il listino delle blue chips al ribasso Fca che cede il 4,19% a 8,8 euro ed Exor che segna -4,9% a 40,6. La galassia Fiat è sotto pressione dopo le accuse che l'Epa, l'agenzia di protezione ambientale americana, ha rivolto al gruppo in relazione alle emissioni di gas inquinanti. Saipem lascia sul parterre il 4,39%

In controtendenza il comparto del lusso con Luxottica che vola e segna un progresso dell'8,25% a 53,65 euro dopo avere toccato un massimo di 56,9 sull'annuncio della fusione (da 50 miliardi) con la francese Essilor che porterà alla creazione di un vero e proprio colosso mondiale dell'occhialeria. Il gruppo francese a Parigi mette a segno un progresso dell'11,85%.

In scia gli altri titoli con Ynap che guadagna lo 0,6% e Moncler che cresce dello 0,23% dopo che il numero uno Remo Ruffini ha rassicurato circa la chiusura d'anno in linea con il consensus e ha evidenziato un "ottimo" inizio di anno. Salvatore Ferragamo inverte la rotta sul finale e dopo una giornata in territorio positivo cede lo 0,2%.

Nel resto del Vecchio Continente pesano anche le anticipazioni relative al piano di Theresa May sulla Brexit che indicherebbero una linea 'dura'. Perde terreno la sterlina scambiata a 1,21 dollari. Tra le Borse, Madrid cede l'1,07%, Bruxelles -1,1%, Francoforte -0,64%, Lisbona -0,84%, Amsterdam -0,81%, Parigi -0,82%, Londra -0,15%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.