Home . Soldi . Finanza . Generali, voci interesse Intesa Sp-Allianz e mossa difensiva del Leone

Generali, voci interesse Intesa Sp-Allianz e mossa difensiva del Leone

FINANZA
Generali, voci interesse Intesa Sp-Allianz e mossa difensiva del Leone

Mossa difensiva di Assicurazioni Generali, che blocca in partenza l'ipotesi di una scalata da parte di Intesa SanPaolo insieme ad Allianz. La compagnia assicurativa ha in mano il 3,01% del capitale di Intesa Sp, attraverso un prestito titoli che ha riguardato i diritti di voto su 505 milioni di azioni. L'operazione arriva dopo le indiscrezioni di stampa del weekend: Ca' de Sass avrebbe allo studio un'acquisizione di quote, insieme a un altro partner assicurativo, volta a 'irrobustire' l'azionariato del Leone e evitare eventuali take over stranieri, in primis quello della francese Axa.

In questo modo, Generali ha messo al sicuro il capitale: secondo il Tuf, in caso di partecipazioni reciproche, chi ha superato per secondo il limite del 3% si vedrà congelati i propri diritti di voto oltre questa soglia e dovrà vendere entro dodici mesi la quota eccedente. In una giornata di ribassi per la Borsa di Milano, Generali ha chiuso la seduta in forte rialzo con un guadagno del 3,94% a 14,25 euro. Visti i forti scambi e la portata delle società coinvolte, Consob ha fatto partire subito il consueto monitoraggio sull'andamento delle azioni e sulle compravendite avvenute oggi.

I dividendi alti e la solidità patrimoniale di Intesa SanPaolo, alla base della sua strategia negli ultimi anni, "potrebbero essere messi a repentaglio da un'operazione così costosa", fa notare una fonte finanziaria. In più, la quota di mercato raggiunta da Intesa Sp nel ramo Vita potrebbe far sorgere problemi di Antitrust.

La ratio dell'investimento potrebbe essere politica: con l'arrivo di Intesa SanPaolo, il Leone potrebbe mantenere l'italianità del gruppo. La banca non commenta.

Gli analisti sono scettici sia su questa ipotesi che sull'uscita - paventata - del dg e cfo Alberto Minali. "L'uscita di Minali ci appare sorprendente, alla luce del ruolo centrale che il manager ha sempre ricoperto all’interno del gruppo nel corso degli ultimi anni, anche nel rapporto con gli investitori istituzionali", scrive ad esempio Icbpi. Allianz, però, (-1,13% a Francoforte) "potrebbe guardare con interesse a un’operazione di questo tipo, fermo restando che il gruppo tedesco ha già una presenza significativa sul mercato assicurativo italiano".

Secondo Equita, l'indiscrezione su Intesa SanPaolo è "poco verosimile e il piano difficilmente attuabile viste le complessità di integrare due reti completamente diverse". Anche Banca Akros ritiene "improbabile" l'ingresso di Ca' de Sass, considerando "l'alto rischio dell'integrazione tra i due business".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI