Home . Soldi . Finanza . Banche, Monticini: "Serve grande piano statale per riqualificare esuberi"

Banche, Monticini: "Serve grande piano statale per riqualificare esuberi"

FINANZA
Banche, Monticini: Serve grande piano statale per riqualificare esuberi

Un piano statale di ristrutturazione per le banche italiane, costrette ad affrontare pesanti tagli del personale, e di riqualificazione per il personale in esubero. Un programma che potrebbe coinvolgere fra il 30 e il 40% dell'attuale personale del settore, per aiutarlo a trovare lavoro in settori a più alto valore aggiunto, rendendo al contempo le banche più efficienti. E' la proposta di Andrea Monticini, professore di Econometria alla Facoltà di Scienze bancarie e assicurative dell'Università Cattolica di Milano, contattato dall'Adnkronos.

L'industria bancaria negli ultimi vent'anni si è ristrutturata, "ma relativamente poco rispetto a quanto necessario. Ormai gli istituti hanno bisogno di poche filiali, con l'internet banking", spiega Monticini. Inoltre gli istituti bancari "producono pochi utili, perché hanno una struttura di business non adeguata al tempo e quindi saranno costretti a licenziare".

Per questo "serve un piano di ristrutturazione" per il sistema bancario: "bisogna fare deficit per prendere gli attuali 40-50enni che lavorano in esubero nelle banche e riqualificarli". Soldi pubblici, continua Monticini, "per aiutarli a spostarsi su altri settori a più alto valore aggiunto, come la moda o la meccanica di precisione, e rendere il sistema bancario più efficiente". Altrimenti i piani di uscita predisposti dalle singole banche "rischiano di essere dolorosi" e di lasciare il personale in uscita senza prospettive sicure.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI