Home . Soldi . Finanza . Borse europee chiudono in calo, Milano giù con banche e Saipem

Borse europee chiudono in calo, Milano giù con banche e Saipem

FINANZA
Borse europee chiudono in calo, Milano giù con banche e Saipem

Le Borse europee chiudono in calo, sulla scia di Wall Street che risente delle tensioni politiche interne e con l'euro in rialzo sul dollaro: la moneta unica tocca il livello massimo negli ultimi 14 mesi e si muove attorno a 1,157 sul biglietto verde. In attesa del discorso del governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi parlerà giovedì al termine della riunione del consiglio direttivo, a Milano l'indice Ftse Mib cede lo 0,59% a 21.358, con lo spread tra Btp-Bund a quota 164 con un rendimento del 2,20%.

In flessione Londra -0,19%, in rosso Parigi -1,09% e Francoforte -1,25%, dopo i dati dell'istituto di ricerca Zew che rileva sia in Europa che in Germania (l'indicatore scende a 17,5 punti dai 18,6 di giugno) un sentiment economico in calo a luglio. A Piazza Affari penalizzati dalle vendite i bancari (indice -1,02%) con Bper -3,25%, Mediobanca -2,05%, Unicredit -1,77% a 16,68, e Ubi Banca -1,55%; sulla parità Intesa Sanpaolo a 2,87 euro.

In rosso Saipem -2,38%, che paga il taglio di giudizio e di stime, poco mosso Eni (-0,53%) nel giorno dell'audizione dell’amministratore delegato, Claudio Descalzi, sul piano strategico davanti alla commissione Attività produttive della Camera sul Piano strategico. Ritraccia Yoox Nap -2,29% dopo il rally degli ultimi giorni. Telecom Italia, invece, guadagna l'1,17%, mentre la poltrona dell'ad Flavio Cattaneo sarebbe traballante. Maglia rosa per Atlantia +1,48%. Sull'Aim esordio a due cifre, invece, per Pharmanutra (+39,9%).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI