Home . Soldi . Finanza . BoJ resta 'colomba': rinvia target inflazione. Borsa di Tokyo chiude in rialzo

BoJ resta 'colomba': rinvia target inflazione. Borsa di Tokyo chiude in rialzo

FINANZA
BoJ resta 'colomba': rinvia target inflazione. Borsa di Tokyo chiude in rialzo

AFP PHOTO/Toru YAMANAKA / AFP / TORU YAMANAKA

La Borsa di Tokyo chiude positiva dopo le indicazioni della Banca centrale del Giappone. L'indice Nikkei archivia la seduta con un progresso dello 0,62% a 20.144.59 punti. La Banca del Giappone ha deciso di spostare a marzo 2019 l'obiettivo di raggiungere un tasso di inflazione al 2%. La decisione è giunta dopo due giorni di consiglio, durante i quali è stato anche scelto di mantenere invariati i tassi di interesse, la politica monetaria e il piano di acquisto dei bond. Ad aprile del 2013 l'istituto guidato da Haruhiko Kuroda aveva dato il via a una campagna monetaria aggressiva per raggiungere entro due anni il risultato dell'inflazione al 2% e uscire dalla fase deflattiva nella quale si trovava il Paese.

Non raggiunto l'obiettivo, questo era stato spostato a marzo 2018 ma, come stimato dalla BoJ, nel corso del 2017 l'indice dei prezzi al consumo aumenterà complessivamente dell'1,1% contro il +1,4% previsto tre mesi fa. Questi dati hanno portato il comitato esecutivo della Boj a decidere di spostare l'obiettivo di un anno fiscale. "L'economia del Giappone si sta espandendo moderatamente. Nel frattempo, le esportazioni sono aumentate grazie alla crescita, seppur modesta, delle economie estere", si evidenzia in una nota diffusa al termine del comitato.

Crescono le esportazioni. Il Giappone ha registrato un surplus commerciale di 439,907 miliardi di yen a giugno, valore più basso rispetto alle attese degli analisti che prevedevano 488 miliardi. Lo ha reso noto il ministero delle Finanze nipponico. Nel dettaglio, le esportazioni sono aumentate del 9,7% annuo, superando le aspettative di un aumento del 9,5%. Si tratta comunque di un dato in netto calo rispetto al 14,9% registrato a maggio. Le importazioni sono cresciute del 15,5% tendenziale, meglio delle previsioni che davano il dato al +14,4%. A maggio l'import aveva incassato +17,8%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.