Home . Soldi . Finanza . Wall Street spinge le borse europee ma Milano chiude in rosso

Wall Street spinge le borse europee ma Milano chiude in rosso

FINANZA
Wall Street spinge le borse europee ma Milano chiude in rosso

Piazza Affari chiude negativa, in controtendenza rispetto alle altre borse europee, toniche e trainate dal buon andamento di Wall Street. A spingere la borsa di New York sono le voci su passi avanti dell'amministrazione di Donald Trump nel definire la prossima riforma fiscale. A beneficiarne anche il dollaro, con il cambio sull'euro a 1,176. Nonostante il netto calo ad agosto dell'indice di fiducia Zew in Germania, sceso al livello più basso da ottobre 2016, Francoforte segna un progresso dell'1,35%. Londra sale dello 0,86% e Parigi dello 0,87%. A fine seduta a Milano il Ftse Mib cede lo 0,11% a 21.729 punti, mentre lo spread Btp-Bund decennali sale a 169 punti.

Sul listino principale della piazza milanese corre Ferrari, in rialzo del 3,05% a 98 euro, dopo il rinnovo dell’accordo fra la scuderia e il pilota Kimi Raikkonen anche per il 2018. Sempre nell'auto Fca, partita in buon rialzo, si sgonfia dopo la smentita di contatti e negoziati da parte della cinese Great Wall e chiude in progresso dello 0,26%. Invariata Exor.

Stm sale del 2,70% e guadagnano oltre un punto percentuale Cnh Industrial, Ferragamo, Prysmian, Recordati e Campari. Debole il comparto bancario, con Bper (-1,33%), Banco Bpm (-1,10%), Unicredit (-0,73%) e Intesa Sanpaolo (-0,69%). Male Azimut (-1,41%), e l'energia, con Saipem (-1,86%).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI