Home . Soldi . Finanza . Pirelli, debutto in rosso a Piazza Affari

Pirelli, debutto in rosso a Piazza Affari

FINANZA
Pirelli, debutto in rosso a Piazza Affari

Debutto in rosso a Piazza Affari per Pirelli che torna agli scambi dopo quasi due anni di assenza dalla Borsa a seguito del delisting del novembre 2015, a valle dell'operazione con ChemChina. La seduta si è aperta con un ribasso dello 0,31% a 6,49 euro, mentre alle 11,30 il titolo viaggia con un ribasso dell'1,77% a 6,38 euro (6,5 euro il prezzo fissato per l'Ipo). Il vicepresidente esecutivo e amministratore delegato, Marco Tronchetti Provera, minimizza: l'andamento "lo vediamo tra qualche mese. Sappiamo che l'azienda è solida e che consegna risultati. Poi i primi giorni c'è sempre volatilità".

All cerimonia, che si è tenuta a Palazzo Mezzanotte, erano presenti, tra gli altri, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala; il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni; l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti; l'ex ad del gruppo Rcs che oggi siede nel cda di Pirelli, Laura Cioli; l'ex ad di Unicredit e attuale presidente di Rotschild Italia Federico Ghizzoni; l'ex ministro dell'Economia e attuale vice presidente di Morgan Stanley Domenico Siniscalco; il presidente di Banca Leonardo, Gerardo Braggiotti; Elisabetta Magistretti, consigliere di Mediobanca. Oltre ovviamente al presidente di Borsa Italiana Andrea Sironi e all'amministratore delegato Raffaele Jerusalmi.

"Da oltre 145 anni scriviamo la nostra storia immaginando il futuro" ha scritto Tronchetti sul libro di Borsa Italiana. "In questi anni abbiamo fatto un percorso complicato. Volevamo tornare sul mercato. Ci siamo riusciti con il contributo di tutti. Oggi è un giorno felice per la Pirelli, che continua la sua tradizione. Rientra sul mercato più forte di prima con tecnologie sempre più avanzate e sempre più in grado di competere nel mondo" ha evidenzia Tronchetti. Quello per il ritorno a Piazza Affari è stato "un percorso velocissimo di rientro in Borsa. Consob ha contribuito con un impegno straordinario nel mese di agosto. Dietro c'è tanto lavoro e tanto futuro e continueremo a costruirlo per il nostro futuro e per le nostre famiglie".

"Pirelli a partire dal mese di dicembre con assoluta certezza, con la revisione del nostro indice principale, sarà nel paniere dei 40 titoli principali italiani" ha annunciato Jeruslami, evidenziando che "Pirelli è la storia di una eccellenza che nasce nel 1872. Da allora Pirelli è simbolo di ricerca, capacità, innovazione e di grandi performance". Una capacità che ha assicurato al gruppo della Bicocca "una posizione straordinaria di leadership che consente a Pirelli di tornare sul mercato". Si tratta, ha ricordato, della "più grande quotazione in Italia e la prima in Europa, significativa per la città di Milano che vive in momento di grande forma e che speriamo duri a lungo". Per Jerusalmi c'è dunque "soddisfazione che la più grande quotazione europea avvenga proprio a Milano" da parte di una società che "incarna lo spirito di Milano".

Per Carlo Bonomi, presidente di Assolombarda, Pirelli è una storica azienda milanese, italiana, che è diventata globale, ma che comunque mantiene ancora le sue radici nel nostro territorio anche grazie a un sistema di governance che garantisce di avere l'headquarter a Milano e soprattutto di avere quelle funzioni vitali e importanti per il Paese come la ricerca e lo sviluppo". della cerimonia di ritorno a Piazza Affari del gruppo della Bicocca.

Plaude alla scelta di tornare a Milano e non su un'altra piazza finanziaria il presidente di Rotschild Italia, Ghizzoni: "alla fine è anche un atto di fiducia verso l’Italia, che sta ripartendo e sta recuperando". "Pirelli - ha detto - è una multinazionale e fa ancor piacere ritrovarla qui a Milano perché aveva sicuramente tante altre scelte. Bisogna dare atto al management, al dottor Tronchetti Provera che ha fatto questa scelta positiva" sottolinea Ghizzoni, evidenziando che si tratta di "un segno di grande prestigio, molto importante per la Borsa italiana".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI