Home . Soldi . Finanza . La guerra dei dazi affossa le Borse

La guerra dei dazi affossa le Borse

FINANZA
La guerra dei dazi affossa le Borse

(Fotogramma)

Le borse europee chiudono in calo sui timori delle conseguenze di una battaglia commerciale internazionale. La guerra dei dazi e il timore di un nuovo giro di vite sul comparto tecnologico da parte degli Usa penalizzano i listini. A fine seduta Milano cede il 2,44% a quota 21.355, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi in aumento a 251 punti base e un rendimento del 2,83%. Londra cede il 2,24%, Francoforte lascia sul terreno il 2,46%, Parigi perde l'1,92%.

Sul mercato valutario il cambio euro/dollaro è stabile a 1,169. In flessione il prezzo del petrolio, dopo che l'Opec e altri Paesi produttori di greggio hanno concordato di aumentare la produzione. A Piazza Affari crolla Prysmian -10% a 20,88 euro, dopo aver registrato problemi sulla funzionalità del cavo di collegamento sottomarino tra Scozia e Galles e aver annunciato una revisione al ribasso dell'Ebitda rettificato in un range compreso tra 860 milioni e 920 milioni di euro.

In flessione il comparto auto e quello bancario (indice -2,60%). Vendite su Unipol -6,15%, in rosso anche Stm -4,81% e Tenaris -4,27%. Tra i bancari male Banco Bpm -3,64% e Mediobanca -3,46%. In un listino principale completamente in rosso, limitano le perdite sotto il mezzo punto percentuale Campari, Snam, Terna e Italgas.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.