Home . Soldi . Finanza . Cattolica, nel semestre utile sale a 51 mln

Cattolica, nel semestre utile sale a 51 mln

FINANZA
Cattolica, nel semestre utile sale a 51 mln

Cattolica Assicurazioni archivia il primo semestre dell'anno con un utile netto di 51 milioni di euro, in netto aumento dal risultato di un milione registrato nello stesso periodo del 2017. Il gruppo assicurativo segna un risultato operativo in crescita del 25,1% a 149 milioni, con il Roe operativo all’8,1%, in aumento di 0,6 punti percentuali. Il Solvency II ratio si attesta al 160%, mentre il combined ratio migliora passando dal 93,4% a 92,6%. La raccolta premi complessiva del lavoro diretto e indiretto Danni e Vita cresce del 12,6% a 2.955 milioni. Nel Danni il gruppo registra un incremento del 5,4% nei premi diretti, di cui 8,1% nel Non Auto e 3,2% nel settore Auto. La crescita dei premi diretti Vita è del 17,2%.

Alberto Minali, amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni, ha spiegato che i dati "mostrano una crescita sostanziale del gruppo, grazie all’incremento dei volumi Vita e Danni e a una più elevata profittabilità tecnica". Inoltre il dato Solvency II "conferma la solidità patrimoniale, nonostante la volatilità dei mercati obbligazionari. Il turnaround industriale ci porterà a raggiungere i target di piano attraverso una crescita sostenibile che si sta traducendo, già nel corso di questo esercizio, in un risultato operativo e in un utile netto in deciso miglioramento".

In conference call con le agenzie di stampa Minali ha spiegato che la Berkshire Hathaway di Warren Buffett, azionista di Cattolica Assicurazioni con il 9%, non ha ancora chiesto di essere iscritta al libro soci del gruppo assicurativo. "No, non ancora. Chiaramente se Berkshire farà domanda, saremo più che contenti di accettarla nel novero dei nostri soci. Ma per il momento non ha presentato domanda", ha detto. In ogni caso "sono degli investitori di lungo periodo, molto interessati alle performance industriali e a quelle finanziarie e credo che potrebbero decidere di diventare soci". Cariverona, invece, "ha fatto domanda di ammissione a soci ed è stata accettata. Questa è un'ottima notizia -ha continuato Minali- perché si tratta di una fondazione molto importante che opera molto attivamente sul territorio e noi siamo molto contenti di questa loro richiesta".

Intanto la posizione di capitale di Cattolica Assicurazioni è "solida" e il gruppo assicurativo non prevede nei prossimi mesi una nuova emissione sul mercato obbligazionario. "Non è previsto il ricorso di nuovo a forme di finanziamento tramite subordinato, perché, coerentemente con il piano industriale, non abbiamo bisogno di ulteriore capitale". In questo momento, ha spiegato Minali, "la nostra posizione di capitale è solida. Non entriamo di nuovo nel mercato obbligazionario e rimaniamo come siamo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.