Home . Soldi . Finanza . Milano chiude in calo, rimbalza Atlantia

Milano chiude in calo, rimbalza Atlantia

FINANZA
Milano chiude in calo, rimbalza Atlantia

(Afp)

Le borse europee chiudono deboli sui timori di un inasprimento della contesa sui dazi fra Stati Uniti e Turchia. Gli investitori restano cauti, è Milano a segnare la flessione più sostenuta con l'indice Ftse Mib che cede lo 0,53% a 20.415. Lo spread tra Btp e Bund si attesta a 282 punti base con un rendimento del 3,126%. Londra chiude piatta +0,03%, Francoforte perde lo 0,22% e Parigi segna un ribasso dello 0,08%.

A Piazza Affari la pressione sui titoli di Stato spinge in rosso le banche (indice -0,91%) mentre Atlantia rimbalza dopo il tonfo delle ultime sedute segnate dal crollo del ponte Morandi a Genova. Il titolo chiude con un progresso del 5,68% a 19,34 euro, con oltre 15,5 milioni di pezzi passati di mano. Martedì si dovrebbe tenere un cda straordinario di Autostrade per l'Italia e mercoledì invece dovrebbe essere in programma quello di Atlantia per fare il punto della situazione sul viadotto dell'autostrada A10, mentre si allentano i timori che il governo possa revocare la concessione. In attesa delle prossime mosse del gruppo, riprende fiato l'intero settore. Un'altra controllata del gruppo, Autostrade Meridionali, sale del 3,44% a 27,1 euro. Positive Sias, holding autostradale del gruppo Gavio, che guadagna il 2,54% a 12,5, e Astm in rialzo dello 0,11% a 17,92 euro.

Tra i pochi titoli positivi del listino principale ci sono Cnh Industrial +1,15% e Mediaset +0,95%. Vendite sostenute invece sulle banche: maglia nera per Ubi Banca -3,53%, Banco Bpm cede il 2,95%, la flessione di Bper si aggira intorno al 2%. Male Saipem che lascia sul terreno il 3,34%. Cedono circa due punti percentuali Stm, Recordati, Unipol e UnipolSai.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.