Home . Soldi . Finanza . Spread vola oltre 300, Milano affonda

Spread vola oltre 300, Milano affonda

FINANZA
Spread vola oltre 300, Milano affonda

(Fotogramma)

Le Borse europee chiudono in rosso, maglia nera per Milano con lo spread che schizza a 305 punti. Il mercato è in allarme dopo la bocciatura della Commissione europea alla manovra italiana, che potrebbe alzare lo scontro tra il governo e l'Ue in merito agli obiettivi di bilancio, ma anche per il tonfo di Shanghai dopo che la Banca centrale cinese ha tagliato la riserva obbligatoria per le banche locali, alimentando i timori sul ritmo di crescita dell’economia. L'euro scivola sotto quota 1,15 dollari.

A fine seduta l'indice Ftse Mib cede il 2,43% a 19.851, sotto pressione in particolare il comparto bancario, mentre lo spread torna ai livelli del 2013. Il differenziale tra Btp e Bund sale a 305 punti base, dopo l'apertura a 295, con un rendimento del 3,59%. Negativi anche i listini di Francoforte -1,36%, Parigi -1,10% e Londra -1,16%. A Piazza Affari male il settore bancario (indice -3,71%): peggior performance per Banco Bpm che perde il 6,47%, flessioni oltre il 4% per Ubi Banca, Mediobanca, Mps, Finecobank e Banca Generali. Unicredit lascia sul terreno il 3,56%, mentre Intesa Sanpaolo cede il 3,26%.

Atlantia segna -1,56% a 17,64 euro. Autostrade per l'Italia ha presentato possibili soluzioni per la ricostruzione del Ponte Morandi che vanno "da un minimo di 9 mesi a un massimo di 15-16 mesi", afferma l'amministratore delegato di Atlantia ed Aspi, Giovanni Castellucci, in audizione alla Camera. Nel Ftse Mib solo Recordati è positiva, il titolo registra +0,54%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.