Home . Soldi . . Scotti, bene Jobs Act, serve coraggio di non essere conservatori

Scotti, bene Jobs Act, serve coraggio di non essere conservatori

Scotti, bene Jobs Act, serve coraggio di non essere conservatori

Roma, 11 apr. (Labitalia) - "Se uno legge i contenuti del Jobs act scopre che i problemi sono gli stessi, sono cambiate le situazioni esterne con cui bisogna confrontarsi e quindi bisogna avere il coraggio di non essere dei conservatori in questo momento, perchè la realtà non è più quella che giustificava dei comportamenti e delle norme". Così Vincenzo Scotti, rettore della Link Campus University e già ministro del Lavoro tra la fine degli anni '70 e '80, commenta, con Labitalia, a margine di un convegno a Roma organizzato con la Fondazione studi dei consulenti del lavoro, il Jobs act del governo, ricordando la sua esperienza alla guida del ministero del Lavoro.

"Dobbiamo sciogliere - insiste Scotti - i nodi che ci trasciniamo da tempo non perchè c'è un problema di bene o di male, ma perchè l'organizzazione del lavoro, e la risposta a un obiettivo fondamentale per il Paese che è quello di raggiungerere la piena occupazione, richiede una capacità di adattamento dei comportamenti, delle regole, e del ruolo dello Stato e dei soggetti privati collettivi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.