Home . Soldi . . Calderone, ancora lontani da semplificazione regole mercato del lavoro

Calderone, ancora lontani da semplificazione regole mercato del lavoro

Calderone, ancora lontani da semplificazione regole mercato del lavoro

Roma, 21 mag. (Labitalia) - "Per i consulenti del lavoro il dl lavoro convertito è un buon testo, ma sarebbe stato meglio lasciare la prima versione e per migliorarla, avevamo già dato indicazioni tecniche. La semplificazione delle regole è lo scopo ultimo, ma siamo ancora lontani da questo". A dirlo la presidente del Consiglio nazionale dei consulenti dei lavoro, Marina Calderone, intervenendo oggi al 'Forum lavoro 2014'.

L'iniziativa ha visto confrontarsi gli esperti di categoria e della Fondazione studi dei consulenti del lavoro sui temi caldi dalla riforma dall'apprendistato al contratto a termine, dagli 80 euro per i redditi più bassi alla detassazione degli straordinari, dal Durc on line alla 'Garanzia giovani', dalla somministrazione ai propositi di riforma complessiva.

"I consulenti del lavoro - ricorda Marina Calderone - possono dare un grande contributo. L'apporto dei tecnici è importante e dovrebbe sempre esserci un confronto preventivo per la costruzione delle norme".

Non c'è stato passaggio con le parti sociali - fa notare- ma sarebbe necessaria una pre-valutazione sistematica con i soggetti tecnici, che non vogliono assumere ruolo politico, e questi sono i consulenti del lavoro".

"Il dl 34 prevede un nuovo approccio -spiega Marina Calderone- alla flessibilità ed è quello che chiedevano i consulenti del lavoro. Ma, oltre a questo, la richiesta era che si eliminasse la conflittualità esistente tra flessibilità e precariato. Togliendo oggi le causali crediamo si siano liberate energie positive, ma vanno anche incentivati gli investimenti e abbiamo ancora qualche perplessità sull'apprendistato".

"I consulenti del lavoro - afferma Rosario De Luca, presidente della Fondazione studi dei consulenti del lavoro - cercano di contribuire a cambiare lo scenario del mercato del lavoro e lo faremo al nostro congresso di categoria a Fiuggi, dal 25 al 28 giugno prossimo. Un evento che abbiamo legato al Festival del lavoro perchè vogliamo arrivare con una proposta forte su quelli che per noi devono essere gli elementi su cui si dovrà riflettere per riformare il mondo del lavoro".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.