Home . Soldi . . Il formatore, raccomandati? sì ma da network relazionale

Il formatore, raccomandati? sì ma da network relazionale

Il formatore, raccomandati? sì ma da network relazionale

Roma, 3 giu. (Labitalia) - "I giovani devono imparare a farsi raccomandare nel mondo del lavoro attraverso un network relazionale". A dirlo Max Formisano, noto anche come il 'formatore dei formatori' che da sempre evidenzia "l'importanza di creare relazioni efficaci e positive nella vita, ma ancor più per quel che riguarda la sfera professionale". Formisano ha, inoltre, identificato alcuni principi e soluzioni strategiche della crescita personale, sintetizzandole nel modello formativo di 'Crescita personale semplificata'.

"Creare un proprio network relazionale -sostiene- è una condizione indispensabile per avere successo non solo a livello personale, ma soprattutto professionale. Una buona rete di relazioni può costituire una valida lettera di raccomandazioni per accedere al mondo del lavoro".

"E' noto che quando un manager -fa notare Formisano- ha necessità di integrare il proprio staff, come prima cosa si rivolge ai suoi contatti, chiedendo loro di segnalare eventuali candidati. Non sto parlando di raccomandazioni basate esclusivamente sul nome o sulla conoscenza, ma della segnalazione a un amico, conoscente o collega di una figura professionale che si ritiene qualificata per quel ruolo".

"Oggi con l'utilizzo sempre maggiore -ricorda- di internet e dei social network, alcuni dedicati espressamente ai professionisti, si crede che per creare il proprio network sia sufficiente qualche click. Ma questo non può certo essere sufficiente. Suggerirei, quindi, di cercare occasioni di incontro off line, ad esempio prendendo parte a incontri, eventi o workshop inerenti al settore che ci interessa".

"Per quanto riguarda l'aspetto della formazione -continua Max Formisano- la parola chiave deve essere semplificazione, sulla quale ho impostato il modello formativo di 'Crescita personale semplificata'. Capita spesso che, nel tentativo di avere una preparazione più ampia possibile, si cerca di studiare tutto, senza riuscire ad ottenere alcun risultato. Concentrarsi su troppe cose, infatti, porta a non eccellere in nessuna".

"Il primo passo da fare -suggerisce- è focalizzare il proprio interesse su un capo di intervento ristretto, chiedendoci in cosa riusciamo meglio. I principi da tenere sempre a mente sono: nessuno può fermarti tranne te stesso; si cresce fuori, e non dentro la zona di comfort; se ti diverti, impari e cresci molto più velocemente; consegui risultati. Più apprendi, più cresci, più cresci e più raggiungi risultati".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI