Home . Soldi . . Vacanze: fai da te? Agenzie viaggio in guardia ma il successo corre on line (fotogallery)

Vacanze: fai da te? Agenzie viaggio in guardia ma il successo corre on line ()

Da TripAdvisor a Trivago viaggio di Labitalia nel mondo delle prenotazioni virtuali

Vacanze: fai da te? Agenzie viaggio in guardia ma il successo corre on line (fotogallery)

"Occhio alle prenotazioni fai da te. Spesso i siti di prenotazione (fotogallery), completamente sganciati dalle agenzie di viaggio, sono degli specchietti per le allodole sventolando prezzi appetibili e falsamente concorrenziali". Lo dice a Labitalia Fortunato Giovannoni, presidente Fiavet (Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo). "Stiamo controllando i dati relativi ai loro viaggi -spiega- per vedere se in effetti tutto ciò che viene pubblicizzato corrisponda al vero".

"Il lato peggiore è -avverte Giovannoni- la manipolazione delle statistiche di soddisfazione: siamo in presenza di pubblicità ingannevole. Noi comunque non vogliamo dichiarare guerra ai siti on line, tuttavia chiediamo che garanzia e assistenza per i clienti siano concrete e che aiutino a rendere il mercato limpido, chiaro e sicuro".

Ma, polemiche a parte, i siti maggiormente cliccati continuano a registrare migliaia di visitatori e recensioni di soddisfazione. "TripAdvisor è il sito di viaggi più grande del mondo -assicura a Labitalia Valentina Quattro, senior pr manager e portavoce di TripAdvisor per l'Italia- nato per aiutare i viaggiatori a pianificare la vacanza perfetta. E' nato e cresciuto su tre principi fondamentali: dare voce ai viaggiatori, promuovere la trasparenza nel settore turistico e creare un dialogo equilibrato tra proprietari-gestori e clienti. Cosicché tutte le strutture sono sullo stesso piano così da poter raggiungere i viaggiatori indipendentemente dalle dimensioni e dalle tariffe".

"Chiediamo la garanzia -avverte Valentina Quattro- che le recensioni riflettano un'esperienza personale genuina e precisa, siamo contro qualunque tentativo di postare recensioni false e vigiliamo costantemente affinché ciò non avvenga. E' grazie ai deterrenti che abbiamo e alle tecniche più all'avanguardia che adottiamo che il numero di tentativi di frode registrati è estremamente basso, soprattutto se comparato alla nostra intera community di quasi 260 milioni di visitatori unici al mese".

"Per i viaggiatori l'obiettivo -continua- è di rendere la ricerca sul sito non solo sempre più semplice e immediata ma anche più personalizzata. E non solo: siccome sempre più viaggiatori quando sono a destinazione prendono decisioni spontanee e al momento rispetto a dove andare e cosa fare, TripAdvisor continua a implementare le proprie app per smartphone. Oggi, ad esempio, si possono scegliere hotel, ristoranti e attrazioni da visitare anche all'ultimo momento, evitando costose tariffe di roaming".

Prezzi e offerte competitivi la fanno da padrone anche su Trivago. "Grazie alle attività di advertising praticate negli ultimi anni -dice a Labitalia Stefano Manzi, country manager di Trivago Italia- Trivago ha raggiunto un livello di 'brand awareness' molto elevato. Siamo riusciti a rendere il comparatore di prezzi, sconosciuto fino a pochi anni fa, un format di successo, nonostante alcuni italiani ci scambino ancora per un sito di prenotazioni".

"Essendo Trivago un'azienda on line -ricorda Manzi- l'innovazione e i test sono all'ordine del giorno. Lavoriamo costantemente per assicurare la migliore esperienza di navigazione ai nostri utenti. Quest'anno stiamo puntando molto ai dispositivi mobile per poter soddisfare le esigenze dei viaggiatori in ogni istante non dimenticando certo gli albergatori. Grazie al nuovo Trivago Hotel Manager, infatti, gli albergatori hanno la possibilità di monitorare e ottimizzare gratuitamente la propria presenza in rete e, seguendo i webinar periodici gratuiti promossi con i principali esperti del turismo italiano, possono rimanere aggiornati sulle ultime tendenze".

E per Trivago l'importante è non solo la soddisfazione degli utenti, ma anche quella dei propri dipendenti. "Vige la regola della meritocrazia che stimola a dare -spiega l'azienda- sempre il massimo e mettersi costantemente in gioco, in più in un ambiente informale, divertente e tranquillo dove le bevande, i cereali e la frutta sono gratis, dove ognuno dei sei piani ha la propria cucina completamente fornita, dove ci si rilassa giocando a biliardino, biliardo, scalando una parete, guardando la televisione o semplicemente bevendo il caffè nella stanzetta con le poltrone e i caminetto".

"Oltre a questi incentivi, Trivago offre ai propri dipendenti -dice- la possibilità di organizzare una volta al mese un'attività di team building a spese dell'azienda, organizza corsi gratuiti di tedesco, yoga, squash, calcetto o pallavolo".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI