Home . Soldi . . Da G20 Giovani Imprenditori di Sydney azioni per occupazione

Da G20 Giovani Imprenditori di Sydney azioni per occupazione

Da G20 Giovani Imprenditori di Sydney azioni per occupazione

Otto azioni prioritarie individuate per promuovere l’occupazione giovanile e la nuova imprenditoria. Sono quelle 'elaborate' da quattrocento giovani imprenditori che si sono riuniti dal 18 al 22 luglio a Sydney per l’annuale 'G20 Young Entrepreneurs’ Alliance Summit'.

Un’esperienza che va avanti dal 2009 e che riunisce i Giovani imprenditori dei 20 Paesi più industrializzati in un meeting che precede l’omologo incontro dei capi di Stato e di governo. Al centro dei lavori il tema della disoccupazione giovanile.

Le proposte del 'G20 YEA', cui hanno lavorato anche 20 Giovani Imprenditori di Confindustria - la delegazione era guidata da Luca Donelli (responsabile Rapporti internazionali e comunitari) e dallo sherpa Nicola Altobelli, proveniente dalla Puglia - hanno contribuito a formare un 'Final Communiqué'. Il documento è stato consegnato a Victor Perton, membro della presidenza australiana del G20, Robert Milliner, Sherpa B20, e agli altri stakeholder e partner (Ilo, Accenture, Ernst&Young, T20, Y20, G20 Research Group, Atp Innovations).

Tra le proposte presentate: riformare il sistema finanziario globale per promuovere investimenti e accesso ai capitali a condizioni accessibili; promuovere istruzione e formazione intensificando la collaborazione tra scuole e imprese, allineando i percorsi formativi alle esigenze del mercato e favorendo l’istruzione tecnica; creare un visto valido all’interno del G20 così da consentire agli imprenditori di fare impresa e facilitare l’assunzione di collaboratori qualificati all’estero; e infine sostenere le Nazioni Unite nella definizione dei 'post 2015 development goal' inserendone uno dedicato all’occupazione giovanile e all’imprenditoria, in particolare per le giovani donne.

Il 'Communiqué' si chiude con l’impegno delle associazioni della G20 Yea di informare i propri Capi di Stato e di governo e gli altri stakeholder e chiedere supporto nell'implementazione del piano di azione sull’occupazione giovanile.

"E' stata la terza esperienza al summit G20 Yea -ha dichiarato Nicola Altobelli, lo sherpa pugliese (vice presidente della territoriale di Foggia)- e per me la più impegnativa e sfidante, poiché ho avuto l'onore e l'orgoglio di guidare la delegazione di GI da tutta Italia. Una delegazione eterogenea e rappresentativa dell'intero sistema imprenditoriale italiano, con una varietà di esperienze e competenze che risaltano soprattutto nel confronto con le altre delegazioni e servono a rafforzare la convinzione e la consapevolezza della validità del tessuto imprenditoriale italiano, nonostante i mille ostacoli che limitano la competitività delle nostre imprese".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.