Home . Soldi . . Tavolo Mise, onere medio per Pos da 25-60 euro a 120-180 l'anno

Tavolo Mise, onere medio per Pos da 25-60 euro a 120-180 l'anno

Tavolo Mise, onere medio per Pos da 25-60 euro a 120-180 l'anno

L’onere medio che un esercizio commerciale o un professionista sostiene per dotarsi di un Pos varia da un minimo di 25-60 euro l’anno a un massimo di 120-180 euro a seconda della tipologia delle apparecchiature prescelte. E’ quanto è emerso al termine delle prime due giornate di confronto avviate dal ministero dello Sviluppo Economico in seguito all’entrata in vigore, dal 1° luglio scorso, dell’obbligo di accettazione per esercenti e professionisti dei pagamenti di importo superiore ai 30 euro con carte di debito. Il tavolo è stato condotto insieme alla Banca d’Italia e al ministero dell’Economia e delle Finanze.

"L’esigenza di promuovere in Italia l’uso di questi sistemi di pagamento è confermata dall’evidenza - si legge in una nota del Mise - che il sistema italiano dei pagamenti si caratterizza per una maggiore incidenza delle transazioni regolate attraverso il contante, ben oltre l’80% del controvalore totale, rispetto agli altri principali Paesi europei, dove non si supera il 60%".

Il tavolo di lavoro ha già svolto due riunioni, nel corso delle quali sono stati incontrati rappresentanti dell’Abi, dell’Aiip (Associazione italiana istituti di pagamento e di moneta elettronica), del Consorzio Pagobancomat, dei gestori dei circuiti internazionali Visa e Mastercard e di alcuni operatori di mercato attivi in particolare nel settore dell’acquiring. Nel corso degli incontri, sono stati acquisiti dagli intermediari e dalle loro associazioni dati utili per l’analisi dei costi che esercenti e professionisti devono sostenere per dotarsi di un terminale di accettazione (Pos) di carte di debito, mettendosi quindi nella condizione di rispettare il dettato normativo attualmente in vigore.

"Al riguardo, nelle scorse settimane sono stati resi pubblici dati estremamente variegati - avverte il Mise - e non coincidenti con le risultanze del tavolo: appare quindi utile fare chiarezza sul punto. Da questo primo confronto è emerso che tali costi presentano una componente fissa e una variabile".

"I costi fissi - si spiega - coprono la disponibilità dell’apparecchiatura Pos e dipendono dalle diverse funzionalità che il terminale può offrire e dal tipo di tecnologia utilizzata per il collegamento. I terminali più innovativi, il cui funzionamento è basato su un collegamento via Internet o attraverso una rete mobile sono, di regola, meno costosi rispetto a quelli tradizionali, collegati alle reti interbancarie dedicate. Il costo fisso per i terminali più innovativi si aggira in media intorno ai 2-5 euro mensili, mentre per le apparecchiature più tradizionali la media è di 10-15 euro mensili. L’onere che in media deve sostenere un esercente o un professionista per dotarsi di un Pos è quindi mediamente intorno ai 25-60 euro all’anno nel primo caso e a 120-180 euro nel secondo".

"I costi variabili - prosegue - sono, invece, legati al numero e all’ammontare delle transazioni effettuate dalla clientela e dipendono dal tipo di circuito utilizzato. L’utilizzo dei Pos consente peraltro di ridurre l’impatto dei costi legati all’utilizzo del denaro contante, che sono complessivamente stimati intorno al 1-1,5% rispetto all’entità delle transazioni".

"Spesso le due componenti di costo (fissa e variabile) - spiega ancora il Mise - sono fra loro collegate: a costi fissi più alti possono essere associati costi variabili più bassi (e viceversa). Su questi costi impattano anche il decreto che regola le commissioni applicate alle transazioni effettuate mediante carte di pagamento (merchant fee) del 14 febbraio 2014 e gli interventi normativi europei in discussione a Bruxelles, inclusa la proposta di regolamento comunitario sulle interchange fee degli schemi di carte".

Secondo quanto emerso negli incontri, esistono già oggi sul mercato soluzioni che offrono diverse combinazioni di servizi e condizioni, fra le quali ciascun esercente o professionista può scegliere quella più adatta alle proprie esigenze, in base alle sue previsioni di utilizzo e ai collegamenti disponibili. Alcuni operatori di mercato hanno anche lanciato delle offerte commerciali che prevedono, nell’ambito di un più ampio pacchetto di servizi, la disponibilità gratuita del Pos. Gli interlocutori coinvolti nelle discussioni del tavolo hanno manifestato la loro piena disponibilità a continuare a compiere ogni sforzo per rendere l’offerta di questa tipologia di servizio il più possibile flessibile e conveniente, in linea con le esigenze delle singole categorie interessate dal decreto. La crescita del numero delle transazioni che ci si attende come risultato dell’entrata in vigore del decreto, è stato sottolineato, consentirà lo sviluppo di economie di scala e l’intensificazione delle pressioni concorrenziali in grado di ridurre ulteriormente i costi.

Il tavolo di lavoro proseguirà i suoi approfondimenti monitorando gli effetti del decreto sul mercato, sia in termini di volumi sia di prezzi. Saranno organizzati ulteriori incontri, in particolare con le organizzazioni di categoria dei commercianti, degli artigiani e dei professionisti, per condividere i risultati di questo monitoraggio e per favorire una più ampia diffusione dei pagamenti elettronici nel nostro Paese e una corretta ripartizione dei costi e dei relativi benefici tra tutti i soggetti interessati.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI