Home . Sostenibilita . Appuntamenti . L’architettura sostenibile alla Biennale di Venezia con Oikos

L’architettura sostenibile alla Biennale di Venezia con Oikos

Tre gli appuntamenti in programma per festeggiare 30 anni di attività

APPUNTAMENTI
L’architettura sostenibile alla Biennale di Venezia con Oikos

”Fundamentals”, ovvero i fondamenti dell’architettura moderna, così come si sono sviluppati negli ultimi 100 anni e come hanno ridefinito i rapporti tra l’uomo e l’ambiente urbano e sociale. Questo il tema della Biennale di Architettura di Venezia di quest’anno, il 2014, che per l’azienda Oikos segna 30 anni di attività, di colori e materie per l’architettura sostenibile. Con questo spirito partecipa a tre diversi progetti, dentro e fuori dal circuito ufficiale della Biennale. Il primo è ‘’Sottilissimo Templum’’ al Giardino Ca’ Balbi Valier, installazione che riflette sulle possibilità di un percorso progettuale basato su princìpi naturali e che inaugura il 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, affidata agli architetti Raffaella Laezza e Tai Sammartini. Uno spazio di architettura a cielo aperto, che richiama la vocazione del giardino come luogo di meditazione, e che accoglie la ricerca sul colore e la materia. Al Teatro La Fenice Oikos, invece, è partner del convegno ‘’Il progetto come strumento di dialogo’’ realizzato da tre studi di architettura - 5+1AA, Carta associés, Studio Marco Piva, con la partecipazione di ospiti internazionali, architetti, committenti pubblici e privati. Il terzo appuntamento è ‘’Architect meet in Fuoribiennale_off’’ a Palazzo Widmann, riflessione sugli sviluppi presenti e futuri dell’architettura, invito a elaborare nuovi sistemi di riferimento, con la partecipazione dei 10 finalisti del concorso Young Italian Architects e i 10 finalisti del concorso Giovani Critici.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI