Home . Sostenibilita . Appuntamenti . La biodiversità italiana si racconta in una mostra a Roma

La biodiversità italiana si racconta in una mostra a Roma

dal 4 marzo al Complesso del Vittoriano, promossa dal ministero Ambiente

APPUNTAMENTI
La biodiversità italiana si racconta in una mostra a Roma

Raccontare la biodiversità italiana e le buone pratiche che i parchi nazionali e le aree marine protette mettono in campo quotidianamente per salvaguardare questo patrimonio. E' questo l'obiettivo della mostra 'A passi di biodiversità. Verso Cancún' promossa dal ministero dell'Ambiente in collaborazione con Federparchi, che apre al pubblico venerdì 4 marzo (fino al primo aprile) a Roma nel salone delle grandi mostre del Complesso del Vittoriano (ala Brasini).

La mostra è pensata in vista della conferenza mondiale che si terrà a Cancún il prossimo dicembre 2016. 'A passi di biodiversità' vuole illustrare al pubblico la reale importanza della biodiversità, le cause della sua perdita e i relativi effetti, l'importanza dei parchi e le buone pratiche di conservazione, valorizzazione e tutela, i successi raggiunti e le nuove sfide e soprattutto intende far crescere i livelli di responsabilità, al consapevolezza sui rischi e gli obiettivi che si possono ancora raggiungere.

Al centro della sala si trova una grande installazione multimediale, con la riproduzione di alcuni paesaggi italiani come, tragli altri, le cascate del parco nazionale del Gran Sasso, gli alberi monumentali del parco nazionale della Sila, le faggete del Gargano e i coralli dell'area marina protetta del Plemmirio. Al termine del percorso i visitatori, grazie all'ausilio di visori 3D, potranno immergersi nella natura. La mostra è gratuita e una parte del percorso sarà poi dedicata alle scuole e ai laboratori didattici.

La biodiversità, commenta il ministero dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, "è una parola che fa quasi paura. Dietro a questo termine, invece, ci sono tutte le bellezze del nostro paese, le bellezze naturali, tutte le specie vegetali e animali". Basti pensare che "nel nostro paese vivono il 50% delle specie vegetali presenti in Europa e il 30% delle specie animali e questa mostra vuole valorizzare questo grande patrimonio che abbiamo".

In particolare, "vuole far capire agli adulti ed anche ai bambini l'importanza di qusto patrimonio sia dal punto di vista della tutela dell'ambiente che dal punto di vista economico. Il 10% del nostro territorio è soggetto a vincolo perché sottoposto a regime speciale dei parchi" che "sono una grande risorsa. Dentro ai parchi, infatti, è possibile insediare attività economiche e soprattutto attività turistiche".

La biodiversità, spiega Vittorio Cogliati Dezza, curatore della mostra ed ex presidente di Legambiente, "troppo spesso è vista come una questione solo per specialisti ed appassionati. Come se non riguardasse la nostra vita quotidiana e le scelte politiche sul futuro del paese.

Secondo un'indagine Eurobarometro, infatti, "la maggioranza dei cittadini europei ritiene che la perdita di biodiversità sia un problema grave ma pensa che non lo riguardi personalmente e secondo l'Agenzia Europea per l'ambiente solo un terzo dei cittadini europei conosce il sognificato della parola biodiversità".

La mostra, dunque, conclude Cogliati Dezza, "raccontando i successi e le nuove sfide, vuole far crescere a tutti i livelli di responsabilità la consapevolezza sui rischi e sugli obiettivi che si possono perseguire, e pone a tutti noi una domanda: la ricchezza e la bellezza della natura sono oggi una risorsa a disposizione del paese, utile per uscire dalla attuali difficoltà?"

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI