Home . Sostenibilita . Appuntamenti . 'Lost in time and place', giardino sospeso a Casa Formentini

'Lost in time and place', giardino sospeso a Casa Formentini

Per il Fuorisalone, dal 7 al 9 aprile

APPUNTAMENTI
'Lost in time and place', giardino sospeso a Casa Formentini

foto di Dario Fusaro

Un giardino sospeso, un incontro tra botanica ed architettura. E' 'Lost in time and place', installazione del garden designer Roberto Benatti nel cortile di Casa Formentini, importante complesso storico artistico del quartiere Brera a Milano, realizzata nell’ambito del Fuorisalone 2017. L’installazione sarà visibile al pubblico dal 4 al 9 aprile, dalle 10 alle 21.30. Ci sarà anche una mostra con le fotografie di Dario Fusaro.

"Il cortile dell’edificio settecentesco è il residuo medioevale di un monastero - racconta Roberto Benatti - un luogo dove le stratificazioni del tempo sono evidenti. Ho quindi pensato che avrebbe potuto accettare solo un oggetto senza tempo. Il ferro attraversa le ere umane e ferro sia. Così perso nel tempo può essere inserito in ogni luogo".

Benatti ha inserito delle persiane come elemento di collegamento con le facciate dell’edificio e innalzato muri fittizi a sostegno di fioriere sospese.

"Alla sera le lampade da me disegnate - prosegue Benatti - sembreranno spargere polvere di fata sulle foglie, sul ferro e sulla pietra trasformando una poesia in una magia, mentre gli onirici 'Gazzot' di Betti (passerotti di grandi dimensioni realizzati a mano con una particolare malta cementizia) appollaiati nel loro nido fra le frasche faranno compagnia alle 'rane volanti', alle 'chimere' e alle 'zanzare' del maestro Giovanni Tamburelli, artista e poeta che realizza le sue opere in ferro".

Nella fioriera saranno posizionate piante in air-pot. Ogni pianta avrà il suo contenitore e un’irrigazione dedicata: in questo modo non ci sarà promiscuità tra radici e si potranno accostare specie con esigenze agronomiche completamente diverse.

In particolare, il corredo botanico, fornito da Brianza Vivai, si comporrà di una struttura di piante sempreverdi con l’utilizzo di Athyrium, Dryopteris, Buxus, Loropetalum, Carex, Hedera, Abelia, Mahonia e altre a foglia caduca quali Hydrangea arborescens, Buddleja, Spiraea x arguta, Anemone hupehensis, Alchemilla mollis, Heucera.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI