Home . Sostenibilita . Appuntamenti . Tutto quello che c'è da sapere sulle foglie, torna FloraCult

Tutto quello che c'è da sapere sulle foglie, torna FloraCult

APPUNTAMENTI
Tutto quello che c'è da sapere sulle foglie, torna FloraCult

(Fotolia)

Foglie da mangiare o da indossare, foglie artificiali e il loro collegamento con l'energia. Foglie al centro della ottava edizione di FloraCult, mostra mercato che promuove la cultura del verde, l’ecosostenibilità e l’ambiente nel cuore del Parco di Veio a Roma, ospitata dall'azienda agricola biologica Casali del Pino, dal 21 al 23 aprile.

Le foglie, tema di questa edizione, saranno raccontate attraverso incontri, conferenze e lezioni. Leonardo Guidoni, docente di Chimica all’Università degli Studi de L’Aquila, presenterà recenti studi che provano che si può produrre energia pulita dalla fotosintesi artificiale e di foglie artificiali; Alessandro Magagnini realizzerà cappelli con piante vive; l'incontro “Mangiamo la Foglia” si concentrerà sulle foglie commestibili del Citrus hystrix, agrume conosciuto con il nome di Combava, quelle della Moringa oleifera e le gustose foglie dei Pelargoni.

Foglie ma non solo. A Floracult ci saranno anche alcune specie di gardenie resistenti al freddo tra cui la Crown Jewel che sopporta temperature fino a 15 gradi sotto lo zero e la Jasminoides Kleim’s Hardy che resiste fino a -17 gradi.

Tra gli ospiti, il direttore d’orchestra Peppe Vessicchio che presenterà con Carlo Massarini il suo libro “La musica fa crescere i pomodori”; l’entomologo Gianumberto Accinelli che presenterà il libro “I fili invisibili della natura”; Cristiana Mancinelli Scotti e Alessandro Biagioli racconteranno "Come le foglie di Linosa comunicano con quelle della Sabina”.

Spazio anche per l'arte e per un’esposizione di esemplari di bonsai rari; la mostra dedicata alla “Tulipanomania” e lezioni di giardinaggio. Minima Urbania, il primo vivaio urbano universitario in Italia ospitato e supportato dalla Luiss di Roma e dai Vivai Cuba di Siracusa, porta a FloraCult una collezione di aloe tra varietà a cespuglio, arboree e “a rosetta”.

Gli studenti della Quasar Design University realizzeranno un'innovativa installazione guidati dall’architetto Sante Simone. La collaborazione fra FloraCult e l’Ente Regionale Parco di Veio prevede una serie di visite guidate sia archeologiche che botaniche gestite dal Consorzio Campagna Romana.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI