Home . Sostenibilita . Appuntamenti . A Borgofuturo si parla di reduci, tra gli ospiti Aldo Nove

A Borgofuturo si parla di reduci, tra gli ospiti Aldo Nove

Dal 7 al 9 luglio a Ripe San Ginesio

APPUNTAMENTI
A Borgofuturo si parla di reduci, tra gli ospiti Aldo Nove

Essere reduci può rappresentare un’opportunità per integrare e ripartire, per superare una fase critica e adoperarsi per costruirne una nuova: da questa riflessione nasce la quinta edizione di Borgofuturo, il festival della sostenibilità a misura di borgo, che dal 7 al 9 luglio tornerà ad animare il comune marchigiano di Ripe San Ginesio.

Al centro della manifestazione ci sarà infatti la figura del reduce, per stimolare e contribuire a un processo di ripartenza, tema sentito in tutta l’area del cratere. “Anche il sisma, nella sua drammaticità, può essere un’occasione - spiega Damiano Giacomelli, direttore artistico del Festival Borgofuturo - Ci ha reso in qualche modo tutti reduci e ci ha messo in contatto con un ampio ed eterogeneo segmento di umanità".

In programma incontri, spettacoli musicali e teatrali, laboratori e tavoli di lavoro. Sabato 8 luglio, i 'reduci dalla società dei consumi e dell’individualismo' saranno al centro di “Vent’anni”, con gli interventi di Aldo Nove e lo spettacolo di Antonio Rezza e Flavia Mastrella. Alle ore 18.30 presso lo Spazio Incontri, Aldo Nove parlerà dei reduci e della progressiva accelerazione della società dei consumi, partendo dalla sua prima raccolta di racconti, Woobinda.

Il percorso tra i reduci si concluderà domenica 9 luglio, parlando di coloro che sono stati costretti ad emigrare, lasciando il proprio Paese di origine per sfuggire a guerre e carestie.

Alle ore 18.30 presso lo Spazio Incontri, con il giornalista turco Murat Cinar si parlerà di nonviolenza, antimilitarismo, diritti umani, disarmo e di Kopuntu, il collettivo di giornalisti e artisti turchi costretti a lasciare il proprio Stato per collisioni con il regime di Erdogan.

Alle 22.30 presso l’Arena La Cava si esibirà invece Bombino, chitarrista Tuareg che nel 2009 ha dovuto lasciare il Niger dopo l’assassinio di due membri della sua band durante una rivolta.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI