Home . Sostenibilita . Appuntamenti . Un cous cous per i bambini, la 'ricetta' dell'integrazione firmata La Mantia

Un cous cous per i bambini, la 'ricetta' dell'integrazione firmata La Mantia

Il ricavato del suo cooking show al World Food Programme per i bambini più bisognosi al mondo

APPUNTAMENTI
Un cous cous per i bambini, la 'ricetta' dell'integrazione firmata La Mantia

Un cous cous “solidale” firmato da Filippo La Mantia, l’oste e cuoco siciliano testimonial del World Food Programme Italia che aiuterà i bambini più bisognosi del mondo ad avere pasti a scuola e istruzione. E’ l’iniziativa messa in campo in occasione della XX edizione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale in programma a San Vito Lo Capo dal 15 al 24 settembre.

L’intero ricavato del cooking show del noto chef siciliano, in programma venerdì 22 settembre alle ore 16, sarà devoluto a sostegno del World Food Programme che garantisce pasti a scuola e istruzione ai bambini più bisognosi del mondo.

Quest’anno, infatti, il Cous Cous Fest, che vede a San Vito Lo Capo chef provenienti da 10 Paesi del mondo all’insegna della pace e dell’integrazione tra i popoli, gode del patrocinio del World Food Programme Italia, l’associazione che opera a favore del World Food Programme (Wfp), il cui obiettivo è quello di contrastare la fame a livello globale.

Ogni anno, il World Food Programme fornisce assistenza e cibo a circa 80 milioni di persone in 82 Paesi del mondo salvando la vita alle vittime di guerre, di conflitti civili e di disastri naturali. Wfp fa parte del sistema della Nazioni Unite da cui non riceve fondi ma è finanziato su base volontaria.

Tra le iniziative organizzate nell’ambito del programma della prossima edizione del Cous Cous Fest, che comprende sfide di cucina tra chef giudicati da Joe Bastianich, cooking show con grandi chef come Giorgione o Claudio Sadler e i concerti gratuiti, tra gli altri, di Jarabe De Palo, Samuel e Francesco Gabbani, c'è anche il talk show di venerdì 22 settembre alle ore 21.30 al quale parteciperà Tiziana dell’Orto, direttore generale del Wfp Italia che illustrerà il progetto.

Il Wfp è il più grande fornitore di pasti a scuola del mondo: ogni anno fornisce cibo e istruzione a circa 20 milioni di bambine e bambini di 62 Paesi tra i più poveri di Africa, Asia e America Latina. La scuola è dove si gettano le fondamenta per un futuro prospero per ogni paese. Il Wfp distribuisce a scuola colazione, pranzo o entrambi. I pasti nutrienti vengono preparati nelle scuole o dalla comunità locale.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI