Home . Sostenibilita . Appuntamenti . Al Milano Film Festival i vincitori del primo Waterevolution Award

Al Milano Film Festival i vincitori del primo Waterevolution Award

I quattro film premiati faranno un tour dell’hinterland milanese

APPUNTAMENTI
Al Milano Film Festival i vincitori del primo Waterevolution Award

Plantae di Guilherme Gehr (Animazione), Tierra Mojada di Juan Sebastiàn Mesa (Cortometraggio), Machines di Rahul Jain (Documentario) e To the Ends of the Earth di David Lavallee (Lungometraggio). Sono queste le quattro pellicole vincitrici del Waterevolution Award, il primo premio cinematografico dedicato ai temi della sostenibilità e della green economy assegnato al Milano Film Festival e indetto da Gruppo Cap, gestore del servizio idrico della Città Metropolitana di Milano e storico partner della manifestazione.

"I film vincitori del Waterevolution Award sono accumunati dalla capacità di raccontare con il linguaggio simbolico del cinema i temi della sostenibilità - spiega Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap - Le pellicole affrontano tematiche diverse, dal disboscamento della foresta Amazzonica alle implicazioni sull’ambiente delle tecniche impiegate per l’estrazione di idrocarburi, utilizzando i diversi linguaggi del cinema per promuovere i temi della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente. Temi che sono alla base della nostra attività, che fa della salvaguardia del territorio in cui operiamo un impegno essenziale".

Per la categoria Animazione il Waterevolution Award è stato assegnato a Plantae, film del regista, pittore e illustratore brasiliano Guilherme Gehr, che tratta in modo originale il tema della deforestazione. La storia racconta di un boscaiolo che prova a tagliare un imponente albero nel cuore dell'Amazzonia, e della reazione inaspettata della natura circostante. Per la categoria Documentario invece, è stato premiato Machines, un reportage sull’industria tessile indiana firmato da Rual Jaines.

Per la categoria Cortometraggio è stato premiato il film Tierra Mojada, del colombiano Juan Sebastiàn Mesa. Attraverso gli occhi di un ragazzino tredicenne, il regista indaga in maniera simbolica il tema dell’industrializzazione e delle sue conseguenza sull’ambiente e sulla popolazione. Infine, il docufilm To the ends of the earth, di David Lavallee, è stato premiato per la categoria Lungometraggio. Si tratta di un viaggio, narrato dalla voce di Emma Thompson, per conoscere a fondo il tema dell’industria dei combustibili fossili.

Proiettati in anteprima al Mudec domenica 8 ottobre, le pellicole vincitrici saranno protagoniste di un tour nell’hinterland milanese: una sorta di 'fuori festival' dedicato ai temi dell’ambiente nelle sale dei cinema di Cinisello Balsamo, Legnano, Magenta, Pioltello e Rozzano, tutti Comuni serviti dalla monoutility.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI