Home . Sostenibilita . Appuntamenti . A Roma l'Isola della Sostenibilità, il 'green' protagonista

A Roma l'Isola della Sostenibilità, il 'green' protagonista

Spazio alle scuole e in programma workshop e incontri

APPUNTAMENTI
A Roma l'Isola della Sostenibilità, il 'green' protagonista

E' partita "Isola della Sostenibilità", l’appuntamento promosso dal Comitato strategico composto da Enea, Crea, Cnr, Università Roma Tre, Università la Sapienza, fino a domani presso il Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi Roma Tre (Ex Mattatoio, Testaccio).

La manifestazione ha aperto le porte alle scuole, accogliendo 2500 ragazzi che hanno partecipato ai 20 laboratori in programma tra i quali anche Air Pack, organizzato dal ministero dell’Ambiente, in collaborazione con Ispra, strumento educativo multimediale che offre agli insegnanti schede per preparare lezioni sulla qualità dell’aria indoor e, agli alunni, un’occasione per imparare anche con quiz e giochi di memoria.

Tra gli altri laboratori, "Raw materials: le meraviglie delle materie prime", organizzato dal Cnr, per spiegare ai ragazzi come, a partire dai rifiuti, si possano creare nuovi materiali per produrre energia pulita o ripulire l’aria e l’acqua del nostro pianeta. Tra le tavole rotonde, quella dedicata a "Agricoltura 2.0, Innovazione e lotta allo spreco alimentare".

“E’ stato davvero faticoso far approvare la legge sugli sprechi, una legge che va in rotta di collisione con il concetto di economia lineare che continua a delineare il modello di economia globale, decisamente in antitesi con ciò che vuol portare avanti questa legge”, spiega Serena Pellegrino, vice presidente della Commissione Ambiente alla Camera.

Secondo Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione Univerde, “sulla lotta allo spreco alimentare ci sono quelli che ne parlano e quelli che la fanno. La tecnologia applicata all’agricoltura consente la misurabilità. Servono numeri e cifre. La vera sfida è misurare e certificare quello che si fa. Con la tecnologia è possibile attivare sistemi di monitoraggio per le performance di produzione”.

Ivan Perrone, del gruppo La Cascina, tra i partner della manifestazione, ha sottolineato l’importanza dell’informazione: “Nel mondo della ristorazione collettiva l’aumento smisurato di scarti nelle mense potrebbe essere individuato nella mancanza di un dialogo con gli impianti appaltanti. Noi lavoriamo con enti caritatevoli e non lavoriamo con gli scarti ma raccogliamo prodotti conformi avanzati nelle mense. Il nostro obiettivo è essere portavoce di best practices partendo dalla prevenzione, comunicazione e sensibilizzazione dei bambini, ma anche delle famiglie e degli educatori scolastici, parte attiva nel momento della ristorazione”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI