Home . Sostenibilita . Best Practices . Pasquetta senza plastica né pesticidi, il vademecum di Greenpeace

Pasquetta senza plastica né pesticidi, il vademecum di Greenpeace

BEST PRACTICES
Pasquetta senza plastica né pesticidi, il vademecum di Greenpeace

(Fotolia)

Pasqua e Pasquetta davvero 'green', senza plastica né pesticidi a pesare sull'ambiente. Per una scelta ecofriendly anche durante le feste, ecco i consigli di Greenpeace, dal menu all'organizzazione del picnic. Si parte dalla spesa. Il consiglio è di scegliere frutta e verdura di stagione, acquistando prodotti sfusi, biologici e possibilmente a chilometro zero. Ed evitare quelli confezionati con polistirolo o plastica.

Per il picnic di Pasquetta meglio 'rispolverare' il buon vecchio cestino di vimini, bello ed ecologico. In alternativa, si possono usare una sporta di tela o una scatola di legno, ma niente buste di plastica. E per ribadire l'impegno per l'ambiente oltre le feste, l'invito è a firmare la petizione al ministro dell’Ambiente per salvare il mare dalla plastica. Le tartarughe, le balene, i pesci e gli uccelli marini ringraziano.

Cibi caldi da trasportare? Meglio usare contenitori in vetro al posto di quelli di plastica, magari riutilizzando vasetti di marmellata o di salse tenuti da parte “perché magari possono servire”. A quelli usa e getta, preferire bicchieri e stoviglie riutilizzabili. I panini si possono avvolgere in tovaglioli di stoffa, anche ritagliando delle vecchie stoffe o strofinacci di colori diversi, riciclandoli così per impacchettare il cibo. Un bel nodo e via.

Un grande prato verde per il picnic? Greenpeace mette in guardia: se non si vedono fiori o insetti, c'è da preoccuparsi. Probabilmente sono stati sparsi dei diserbanti, dannosi per l’ambiente e per la tua salute. Anche su questo fronte, si può sostenere con una firma l'iniziativa dei cittadini europei per vietare l’erbicida più diffuso al mondo, il glifosato.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI