Home . Sostenibilita . Best Practices . Al via Non sprecare 2017, premio ai progetti antispreco

Al via Non sprecare 2017, premio ai progetti antispreco

Aperte le iscrizioni all'ottava edizione

BEST PRACTICES
Al via Non sprecare 2017, premio ai progetti antispreco

(Fotolia)

Un premio a chi non spreca e insegna a non sprecare: prende il via l'ottava edizione del 'Premio Non sprecare'. Nato da una iniziativa di Antonio Galdo (www.nonsprecare.it) e con il supporto scientifico e organizzativo della Luiss 'Guido Carli' di Roma, il premio promuove progetti e pratiche economiche, ambientali e sociali che favoriscano sostenibilità a tutto campo: risparmio e consumi consapevoli, stili di vita basati su condivisione e dialogo e innovazione intelligente per una crescita economica volta a un effettivo progresso sociale.

Le candidature potranno essere inviate entro e non oltre il 15 ottobre 2017, all’indirizzo di posta elettronica nonsprecarepremio@gmail.com. I vincitori saranno premiati a fine novembre presso la sede dell’Università Luiss 'Guido Carli' a Roma.

L’iniziativa si rivolge a cinque categorie di persone fisiche e/o giuridiche che abbiano realizzato nell’ultimo anno progetti anti spreco utili e originali: Personaggio, Aziende, Istituzioni e Associazioni, Scuole e Giovani. I vincitori saranno premiati, per ciascuna categoria, con un quantitativo di prodotti biologici, offerti dal gruppo Alce Nero, pari al loro peso corporeo. Antonio Galdo ricorda che "piccole cose, piccoli gesti, anche i più semplici della vita quotidiana, possono farci sognare grandi e utili cambiamenti".

"In Luiss portiamo avanti già da tempo iniziative contro gli sprechi, e per disabituare ad essi, e per il rispetto della Terra, non solo con iniziative come la cura dell’orto condiviso, ma anche con progetti di mobilità elettrica e corsi di alimentazione sostenibile. Il Premio Non Sprecare, che ospitiamo in università da tre anni, è una occasione importante per capire le esigenze di una società che chiede sempre più innovazione sociale e rispetto per l’ambiente", sottolinea Giovanni Lo Storto, direttore generale della Luiss.

Il Premio si avvale di partnership con ministero dell’Ambiente, Wwf, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Università La Sapienza di Roma, Rai Radio 1, Fondazione Catalano, associazione Minima Urbania e Luiss.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI